Nola, ottenuta la qualifica di “Città che legge” per il biennio 2020/2021

0
45

La cultura ancora una volta vince nella città di Nola. Il comune bruniano ottiene ufficialmente il titolo di “Città che legge” per il biennio 2020/2021. Questa importante qualifica, promossa dal “Centro per il libro e la lettura”, istituto autonomo del Ministero per i beni e le attività culturali, consentirà al comune nolano di accedere a vari finanziamenti (ANCI e MiBACT) per lo sviluppo e la valorizzazione della cultura del libro sul territorio.

Fresca di stampa arriva un’importante notizia per la città bruniana che ha ottenuto uno dei più importanti riconoscimenti dal “Centro per il libro e la lettura”, istituto autonomo del Ministero per i beni e le attività culturali. Per il biennio 2020/2021 Nola ha raggiunto con grande orgoglio per l’intera comunità e per tutte le associazioni che da anni si impegnano in attività culturali un obiettivo di gran rilievo, la qualifica di “Città che legge”. Nella lista di comuni con popolazione da 15.001 ai 50.000 abitanti spicca anche quello che ha dato i suoi natali nel lontano 1548 all’illustre filosofo Giordano Bruno.

Un altro importante successo si inserisce nella lista delle attività promosse dal sindaco Minieri e dal gruppo dei suoi sostenitori, il cui impegno nel sostenere la crescita socio-culturale della comunità urbana non è passato inosservato. Il “Centro per il libro e la lettura”, d’intesa con l’ANCI, si pone l’obiettivo di promuovere e valorizzare le Amministrazioni comunali che su tutto il territorio nazionale hanno dimostrato di impegnarsi nello sviluppo di politiche pubbliche di promozione della lettura sul proprio territorio. Rilasciando la qualifica di “Città che legge”, il Ministero per i beni e le attività culturali (MiBACT) riconosce e sostiene la crescita e lo sviluppo culturale del territorio attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso.

L’annuncio arriva con parole cariche di orgoglio e soddisfazione da parte del sindaco di Nola: «Grazie all’impegno dell’assessore avv. Annalisa Sebastiani abbiamo raggiunto un altro prestigioso traguardo! Questa qualifica permetterà alla nostra Città di accedere a vari finanziamenti (ANCI e MiBACT) con l’unico scopo di garantire ai cittadini l’accesso alla lettura, attraverso biblioteche e librerie, ospitare festival, rassegne e fiere che faranno gioire i lettori ed incuriosire i non lettori, partecipare ad iniziative congiunte di promozione della lettura tra Comune, biblioteche, librerie ed associazioni ed aderire a progetti nazionali (“Libriamoci”, “Maggio dei libri”, etc.)».