Nipote della capoclan accoltella rivale in amore: l’ha trovato con la compagna

0
414
Ospedale "Maresca" di Torre del Greco

 

TORRE DEL GRECO – Si reca a casa del rivale in amore e nel corso di una lite viene accoltellato cinque volte: ferito gravemente, aggressore arrestato. Il fatto è avvenuto a Torre del Greco dove la scorsa notte i carabinieri della locale compagnia hanno infatti sottoposto a fermo di polizia giudiziaria Gennaro Buonocore, 30 anni di Secondigliano, già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo è infatti figlio di Concetta Licciardi, sorella di Maria Licciardi, ritenuta dalla Dda a capo dell’omonimo clan fondato dal fratello Gennaro, detto “a’ scigna” (la scimmia, ndr) e anche elemento di vertice del cartello criminale denominato “Alleanza di Secondigliano”. Maria Licciardi è stata arrestata la scorsa estate dai carabinieri del Ros nell’aeroporto romano di Ciampino, mentre era in attesa di prendere un volo diretto in Spagna. Buonocore è accusato di tentato omicidio nei confronti di un trentaquattrenne del Parco Verde di Caivano, anche lui già noto alle forze dell’ordine. I militari sono intervenuti in un appartamento di secondo vico San Vito per una lite: lì hanno appurato che poco prima, per cause riconducibili a questioni sentimentali, il 34enne si era presentato nell’abitazione dove Buonocore era con la sua compagna. E’ nata una lite durante la quale il trentaquattrenne di Caivano è stato colpito alla schiena con cinque fendenti.

Le indagini hanno consentito ai carabinieri di accertare quanto accaduto e di individuare il nipote di Maria Licciardi. Il ferito è ricoverato, non in pericolo di vita, nel pronto soccorso dell’ospedale Maresca. Il fermato è invece in attesa di giudizio nel carcere napoletano di Poggioreale.