CONDIVIDI

Finisce una stagione piena di incertezze, di difficoltà e con un finale che ci aveva fatto rivalutare le capacità di questa squadra. Ma proprio all’ultimo passo, quello decisivo, dopo una corsa durata settimane, il Napoli perde le sue certezze e si sfilaccia. La Juve passa, e al Napoli non resta che accontentarsi dell’Europa delle piccole.

 

 

Va dato merito a questa squadra di aver rialzato la testa, dopo un lungo periodo fatto di decisioni sbagliate, di partite fuori contesto e di tanta sfortuna che ha decimato squadra e motivazioni. E’ la prima volta che mi sono trovato ad essere così cattivo con squadra e allenatore. Ne abbiamo viste troppe in queste ultime due stagioni, abbiamo visto sprecare enormi potenzialità e capacità, abbiamo visto gettare alle ortiche partite facilmente gestibili, abbiamo poi riconquistato la speranza per una svolta, ma il Napoli delude tutti nel finale.

In vantaggio, grazie a Rrahmani, ricade sulle sue incertezze, difende troppo alto e Hysaj si fa beffare come un pollo. A quel punto la partita finisce, il Napoli non può di più, soprattutto perché Gattuso butta tutti dentro, quasi a casaccio. Gli azzurri vedono smarrita l’idea di manovra, a causa dello stravolgimento della disposizione in campo.

E’ stato veramente un peccato perdere così, in casa, con il destino nelle nostre mani, con la possibilità del premio, dell’elisir conquistato, e invece il Napoli ha paura, perde le sue sicurezze e termina la sua stagione come l’aveva giocata per lungo tempo.

Il Napoli e Gattuso si separano, lo salutiamo, lo ringraziamo per quello di buono che ha portato, ma non possiamo non valutare i momenti nei quali ha perso il controllo. Non dimentico che molta della responsabilità va alla squadra, che dimostra la sua debolezza caratteriale, non riuscendo a trovare le motivazioni necessarie per fare il proprio lavoro al meglio. Finisce una stagione dannata, e ne sono contento. Ora è il momento di scelte importanti per de Laurentiis, che chiaramente paga alcune delle sue scelte. Tocca a lui e al suo staff ricostruire tecnicamente questa squadra, partendo dall’allenatore, ma passando per una rinfrescata alla squadra. E’ la fine, per fortuna…