CONDIVIDI

Preambolo. In fisica si parla di equilibrio quando la risultante di tutte le forze agenti su un corpo o un sistema fisico è nulla. E dopo un filotto di prestazioni altalenanti il Napoli dà la sensazione di aver ritrovato, seppur per una partita, una sorta di equilibrio interno.

Copertina_Napoli-Lazio_19-20La partita. Non sono mancati alti e bassi nel primo tempo, il Napoli non si è fatto mancare nemmeno qualche rischio. Ma nel computo della partita, gli azzurri hanno meritato la vittoria per 3 – 1 contro la Lazio di Inzaghi e Immobile. Il Napoli gestisce bene la palla, e questa volta sfrutta bene le occasioni concesse. Subisce il gol per la buona sorte degli avversari, favoriti da un rimpallo. Il bel gol fugace vale ad Immobile il record di gol segnati in Serie A. Per fortuna il Napoli gli concede solo un gol, il record è ancora roba nostra. Non è solo di Higuain, che seppur osteggiato dai più, resta un pezzo della nostra storia. Il record era nostro, e continuerà ad esserlo. Molti dovrebbero imparare a tifare per fare gli interessi del Napoli e non contro gli altri. Vanno in rete Fabian, Insigne su rigore e Politano, quest’ultimo servito intelligentemente da Mertens. A tentare di squilibrare il tutto ci pensano le liti nel finale di partita, gli animi sono caldi, vola anche qualche parola di troppo da un “non-terrone” squilibrato.

Grazie spanish sniper. A proposito di equilibrio. E’ l’ultima di uno che aveva l’equilibrio nel sangue. E’ l’ultima partita al San Paolo di quel giocatore che nei miei articoli ho sempre chiamato spanish sniper. Ci saluta Josè Callejon, un giocatore unico al mondo per caratteristiche. Callejon, puntuale come un treno svizzero, veloce e preciso come un cecchino, un giocatore intelligente, capace di sfruttare gli spazi a suo piacimento, capace di attaccare e difendere, capace di giocare da terzino e da punta.

Conclusioni. Il Napoli trova il suo equilibrio. Subisce poco, sfrutta le occasioni, dimostra di meritare la vittoria, gestendo bene in uscita e costruendo adeguatamente in attacco. Questo campionato finisce, finalmente! Finisce dopo il disastro di Ancelotti e dell’ammutinamento, dopo una pandemia dannata. Manca un ultimo sforzo. Manca uno sfizio con il Barcellona, sperando di giocare con quella sensazione di equilibrio che ci ha dato la partita con la Lazio. Le speranze di vincere e qualificarsi sono veramente poche. Ma tentiamo, almeno, di non sfigurare.