Home Attualità Marigliano, vanno all’ASL i locali dell’ex comando di Polizia Municipale a Pontecitra

Marigliano, vanno all’ASL i locali dell’ex comando di Polizia Municipale a Pontecitra

CONDIVIDI

Cambia ancora la morfologia urbana dei servizi in città. Nei giorni scorsi, infatti, l’ente comunale e l’azienda sanitaria locale (Distretto 48 della sezione Napoli 3 Sud) hanno stipulato un contratto di comodato d’uso gratuito per i locali, siti in via San Luca, a Pontecitra, che per anni hanno ospitato il Comando di Polizia Municipale.

La sinergia si inserisce nel nuovo iter che vede la ASL Napoli 3 Sud impegnata nella riduzione dei fitti passivi, anche mediante trasferimento di proprie attività presso locali di proprietà di altri enti pubblici che si rendono disponibili a cederli in comodato gratuito, ai sensi dell’art. 15 della legge regionale n. 1/2012.

Il contratto, formalizzato dal responsabile urbanistica del Comune di Marigliano, l’ingegnere Andrea Ciccarelli, e dalla dott.ssa Carmela Frontoso, in qualità  di direttore dell’Unità Operativa Complessa Affari Generali dell’azienda sanitaria locale, prevede la cessione in comodato d’uso, per vent’anni, dei locali al pianoterra, i quali complessivamente vantano una superficie interna pari a 319,84 mq e di una area esterna, ad uso esclusivo, di 2.032 mq.
I locali in questione sono adiacenti ad altri spazi di proprietà del Comune di Marigliano, attualmente adibiti a sede dell’istituto scolastico “Pacinotti” e del Comando dei Carabinieri Forestali, che però in estate si trasferiranno presso l’ex stazione Circumvesuviana di Corso Vittorio Emanuele III, in via di riqualificazione.

Al fine di rendere necessariamente autonomo l’approvvigionamento energetico della ASL – come si legge nel documento pubblicato in Albo Pretorio – il direttore della U.O.C. Valorizzazione e Manutenzione del Patrimonio Immobiliare della ASL Napoli 3 Sud ha richiesto il frazionamento dell’impianto elettrico attualmente a servizio dell’intero immobile (compresa la scuola e il Comando dei Carabinieri): dunque, i lavori di ristrutturazione, di adeguamento igienico/sanitario e le spese per la fornitura delle utenze a rete (energia elettrica, gas, telefonia), ad eccezione di quelle per la fornitura di acqua che resteranno a carico del Comune di Marigliano, saranno a carico dell’ASL. Tuttavia le spese per la fornitura di acqua saranno compensate dall’azienda sanitaria locale con la manutenzione del cancello carrabile di ingresso alla struttura e con la manutenzione di parte delle aree esterne a verde.

Oltre a più generiche attività sanitarie e istituzionali dell’ASL, all’interno dei nuovi locali si insedieranno sicuramente l’UOPC, ossia le Unità Operative Semplici Territoriali (fondamentali per la prevenzione in questa emergenza pandemica), e il SAUT, i Servizi di Assistenza ed Urgenza Territoriale che infatti lasceranno l’attuale sede di Corso Vittorio Emanuele III, a maggior ragione dato che l’edificio che li ospita era in vendita (e forse è stato anche già venduto).

Inoltre, nei giorni scorsi il sindaco Peppe Jossa ha comunicato che il comune concederà in comodato d’uso gratuito all’ASL anche i locali del centro socioculturale (ex chalet della villa comunale) in Piazza Roma: quello sarà il luogo adibito allo sviluppo della campagna vaccinale anti Covid19, ma non è dato sapere ancora quando.