Marigliano, approvato dalla giunta comunale un progetto di osservatorio sul lavoro e le attività produttive locali

0
50

L’assessore alle attività produttive di Marigliano, avvocato Assunta De Rosa, ha firmato una delibera, immediatamente esecutiva, con la quale la giunta comunale dà ufficialmente l’ok al progetto “Gestione e coordinamento dell’Osservatorio sul Lavoro e le Attività Produttive del Comune di Marigliano a titolo gratuito da parte dell’Agenzia di Sviluppo Territoriale Informale Laboratorio 51”.

L’agenzia in questione, con sede a Marigliano – una di quelle territoriali nate come esternalizzazioni della Pubblica Amministrazione di funzioni attinenti allo sviluppo economico-territoriale, ossia di strutture dedicate alla promozione e alla gestione di progetti di sviluppo locale generate dai Comuni – aveva condiviso con l’amministrazione una proposta progettuale che prevedeva, a titolo gratuito, una serie di azioni:

  • l’individuazione, attraverso la raccolta dati, delle professionalità emergenti, di un tipo di lavorazione o filiera di lavorazione e tipologia di impresa più diffusa sul territorio;
  • l’emersione di un quadro maggiormente veritiero del territorio, in modo tale da poter estrapolare dati che, nelle analisi strategiche effettuate sul territorio da varie agenzie, di solito passano inosservate. Questi dati si riferiscono all’enorme bagaglio culturale e professionale dei giovani e ad alcune micro-imprese che rappresentano idee e concetti innovativi;
  • la percezione dei fabbisogni diffusi tra gli operatori economici della comunità locale, necessaria per contribuire a individuare soluzioni perseguibili, mobilitando le risorse disponibili a livello locale, regionale, nonché comunitarie, oltre alle conoscenze e alle competenze esistenti all’esterno e che sono veicolabili in progetti di sviluppo locale.

Nel corso della giunta comunale, con delibera n. 83 gli assessori hanno inteso approvare la proposta: di conseguenza si è deciso di patrocinare e promuovere le attività contemplate dal laboratorio, e di avvalersi dei servizi che saranno offerti con il progetto, in forma totalmente gratuita per un anno.

Una svolta interessante, agli sgoccioli della legislatura (peraltro prorogata), per affrontare le tematiche scottanti che coinvolgono le attività produttive cittadine, in piena crisi a prescindere dall’emergenza pandemica, contemplando un’analisi a tutto tondo che, si spera, possa andare oltre le dinamiche assistenzialiste, restituendo dignità al mondo del lavoro.