CONDIVIDI

Ennesimo servizio svolto dalla Polizia Locale e dai Carabinieri Forestali di Marigliano volto alla tutela e la salvaguardia dell’ambiente. Sequestro e denunce.

Al Corso Campano sono stati controllati dei locali siti al piano terra di alcune abitazioni scoprendo che in un vano era stato messo in piedi un calzaturificio abusivo. Gli operanti hanno deferito in stato di libertà due persone per gestione illecita dei rifiuti e per violazioni concernenti il testo unico dell’edilizia. Sono stati sequestrati i macchinari, altamente inquinanti, adibiti alla lavorazione e circa 500 paia di scarpe. Elevate sanzioni amministrative dell’importo complessivo di circa 6000 Euro. Le scarpe erano prive di qualsivoglia etichettatura utile a poter risalire anche ai materiali utilizzati per fabbricarle e per di più tutto il materiale utilizzato per la lavorazione, compresi gli scarti tessili, veniva smaltito illecitamente.

Nella stessa zona, durante il controllo del calzaturificio, si notava in altre due stanze una massiccia presenza di rifiuti: ferrosi, elettrodomestici in disuso, plastiche varie, parti meccaniche di elettrodomestici, RAE e neon.

I rifiuti erano così tanti da impedire la corretta classificazione degli stessi, non si riusciva difatti ad accedere nei due locali.

Entrambi i locali venivano posti sotto sequestro penale e il proprietario degli stessi, già conosciuto perché denunciato in passato per la stessa tipologia di reato, veniva segnalato all’A.G. per smaltimento illecito e abbandono di rifiuti.