Job Road Academy: stop alla povertà educativa con un grande evento solidale

0
342

Il 16 dicembre 2022 la Job Road Academy terrà un grande evento al Galoppatoio Borbonico del Palazzo Reale della città di Portici alle ore 20.30. Lo scopo è quello di raccontare il fenomeno della povertà educativa e raccogliere nuove adesioni, poiché il sociale si costruisce con il supporto dei cittadini. 

 

 

 

 

 

Il futuro parte dai minori. Questo è l’obiettivo di un progetto di ampio respiro, che prende il nome di: Tutt’eguale song ‘e criature. L’iniziativa nasce grazie alla cooperativa sociale Job Road Academy che affronta con competenza e passione la lotta al rispetto dei diritti umani.

 

Il 16 dicembre 2022 la Job Road Academy terrà un grande evento solidale al Galoppatoio Borbonico del Palazzo Reale della città di Portici alle ore 20.30.

Lo scopo, infatti, è quello di raccontare il fenomeno della povertà educativa e raccogliere nuove adesioni per il 2023, poiché il sociale si costruisce soprattutto con il supporto dei cittadini. L’evento ha il patrocinio del Comune della Città di Portici. Ci saranno tanti interventi di alto profilo come: il sindaco di Portici, dott. Vincenzo Cuomo, la dirigente dell’I.C. Scaloja – Cortese, Rosa Stornaiuolo; il presidente delle attività sociali della Job Road Academy, Vincenzo Menichino ed infine non mancheranno artisti nazionali e locali.

 

Per addentrarci nel mondo della povertà educativa, abbiamo intervistato il presidente delle attività sociali della Job Road Academy, Vincenzo Menichino il quale all’età di 28 anni ha contribuito a dare vita alla cooperativa sociale.

 

Perché è nata Job Road sociale?

La parte sociale prende piede dalla filosofia secondo la quale “un’azienda produttrice di ricchezza, non può esimersi dal restituire al mondo in maniera disinteressata” – specifica il Responsabile attività Sociali. Ogni organizzazione deve guardare alla possibilità di donare qualcosa al mondo. La JR si occupa in maniera quasi esclusiva di lotta permanente alla povertà educativa. Nello specifico, il fenomeno riguarda la privazione per bambini e adolescenti della possibilità di sviluppare capacità, talenti e aspirazioni. In Italia, i minori colpiti da questo fenomeno sono circa un milione e quattrocentomila.  La Campania è la Regione con l’indice più alto! Il principio alla base di questa particolare campagna permanente è molto chiaro: tutti meritano di avere reali opportunità e di essere liberi! In buona sostanza, la povertà educativa è strettamente connessa alla povertà economica. La pandemia da COVID-19 ha incrementato il rischio per i minori. Bisogna agire ora! Domani sarà già troppo tardi. Per questa ragione ha preso vita la campagna permanente “Tutt’ Egual Song e Criature”. L’ispirazione è venuta dall’omonima canzone di Enzo Avitabile.

Quale approccio utilizzate per combattere il fenomeno?

L’approccio utilizzato dalla Job Road Sociale è molto pratico! Le assi su cui ci muoviamo sono principalmente tre: fornire strumenti necessari per affrontare il percorso scolastico, sport gratuito come strumento inclusivo e point territoriali volti all’inclusione. Nello specifico, in circa tre anni sono stati donati 500 kit scuola completi (zaini, quaderni, materiale laboratoriale e tanto altro).

Inoltre, ogni anno vengono banditi direttamente dalla rete JR centinaia di posti per attività sportive gratuite. Uno strumento indispensabile per la lotta al fenomeno, sono i point territoriali permanenti, dove i minori possono essere inclusi con corsi di auto-imprenditorialità, qualifiche professionali, uso di approcci STEM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica). Guardando alle moderne tecnologie, la Job Road Academy usa anche i visori di Casa Meta per stimolare i ragazzi restii allo studio.

Esistono appuntamenti fissi per dare un contributo concreto?

I cittadini che intendono raccogliere la nostra sfida possono ovviamente contattarci attraverso i nostri canali social e tramite il sito. Inoltre, è possibile raggiungerci presso le nostre sedi (Scisciano Via Spartimento snc e Mariglianella via 11 Settembre 2001) e point di lotta alla povertà educativa.  Inoltre, ogni anno si tiene un evento di respiro nazionale volto ad aggregare, scambiarsi idee, costruire nuove sinergie e collaborazioni con diversi di enti del terzo settore.

 

Se vogliamo un mondo diverso, dovremmo iniziare a prendere esempio da realtà come quella di Vincenzo, all’interno della quale il futuro non si aspetta ma si costruisce giorno dopo giorno.