CONDIVIDI
I lavoratori di Auchan Nola mentre l'ipermercato chiude i battenti
I lavoratori di Auchan Nola mentre l'ipermercato chiude i battenti
Apertura della cooperativa ad una soluzione positiva ma dura reprimenda dei comportamenti finora assunti dal franchising che gestisce gli impianti in provincia di Napoli   
Vertenza ipermercati: Coop Alleanza 3.0 si dichiara “disponibile a una soluzione”. La schiarita è stata annunciata con una lettera spedita in risposta a un messaggio della GDM, la società che gestisce in franchising Coop gli ipermercati di Afragola/Acerra e Quarto e che ha acquistato da Conad-Margherita Distribuzione quelli di Nola e Giugliano, rimasti però chiusi da quattro mesi e mezzo ed i cui 240 addetti sono in cassa integrazione a zero ore, per la gran parte non ancora erogata dall’Inps. Nel frattempo l’annuncio della GDM di non poter più utilizzare il marchio Coop in tutti gli ipermercati ha però fatto esplodere una vertenza occupazionale e produttiva di grande portata a causa della paura dei lavoratori di poter essere licenziati. Addetti che recentemente sono anche scesi in piazza manifestando davanti al consiglio regionale. Ma ora c’è l’annuncio che tutti speravano e che sta facendo profilare una soluzione positiva. E’ contenuto in un’articolata lettera trasmessa venerdi dalla sede di Bologna di Coop Alleanza alla GDM e, per conoscenza, all’assessorato al Lavoro della Regione, al ministero dello Sviluppo Economico ed ai sindacati di categoria Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil. La missiva porta la firma del presidente di Coop Alleanza, Mario Cifiello, ma si può definire il frutto della volontà dell’intero movimento cooperativo della grande distribuzione. A ogni modo Coop Alleanza in questa risposta a una precedente presa di posizione della GDM, pur confermando la ferma volontà di tutelare i lavoratori napoletani, l’occupazione e le produzioni, non ha risparmiato critiche molto dure nei riguardi della società campana che gestisce in franchising gli ipermercati di Afragola/Acerra e Quarto e che aveva annunciato, per poi smentirla, la prossima riapertura di quelli di Nola e Giugliano. “E’ solo per un sincero riguardo ai lavoratori – scrive Coop Alleanza alla GDM – che abbiamo riconfermato ai nostri legali – nonostante la vostra censurabile iniziativa – un mandato che possa, in via stragiudiziale, auspicabilmente risolvere la situazione, della quale non potete negare di essere artefici e responsabili”. La cooperativa emiliana rimprovera a GDM praticamente tutto. Nella missiva si fa capire che la responsabilità della vertenza creata dal rischio di dover tagliare di colpo 240 posti di lavoro nel Napoletano (Nola e Giugliano) e, in una fase successiva, altri 260 (Afragola/Acerra e Quarto), è da addebitare esclusivamente alla GDM. “Ci siamo astenuti dal risolvere il contratto – scrive Alleanza rivolgendosi alla società campana – nonostante le Vostre inadempienze ed abbiamo dato incarico ai nostri legali di ricercare soluzioni negoziali corrette e sostenibili, per comporre i contrasti, evitando traumatiche rotture e vertenze giudiziali”. In particolare Coop redarguisce GDM per aver “illegittimamente sospeso diversi pagamenti” e per “non aver mai adeguato le garanzie previste dal contratto, una situazione perdurante che GDM ha l’obbligo di regolare”. Inoltre sempre secondo Alleanza “non è vero che GDM ha un obbligo di esclusiva che vincola l’azienda campana a usare marchi e prodotti Ipercooop o Coop nei nuovi punti vendita acquistati”. E dal canto loro anche i lavoratori hanno qualcosa da dire. “Perché GDM – si chiedono – ha annunciato il salvataggio degli ipermercati di Nola e Giugliano senza prima assicurarsi il marchio Ipercoop ? E poi la GDM non ci vuole anticipare i soldi della cassa integrazione, come invece prima faceva Margherita distribuzione, per cui ora ci ritroviamo col dover subire pure i gravi ritardi dell’Inps, che non eroga gli appena 430 euro al mese che ci spettano”.