CONDIVIDI

No Banner to display

Su Manfredi c’è la più ampia condivisione. Quando si è atterrati sul nome di Manfredi abbiamo pensato che fosse l’interprete giusto in termini di competenza”. Così Giuseppe Conte, a Napoli, ribadisce il sostegno alla candidatura di Gaetano Manfredi a sindaco partenopeo.

 

 

La giornata di Conte in città  è iniziata con una conferenza stampa congiunta con Manfredi in un hotel del centro storico e proseguirà con una passeggiata nella Pignasecca, dedalo di vicoli a ridosso della centralissima via Toledo.  L’ex presidente del Consiglio, in conferenza stampa, ha evidenziato che voci “dissenzianti” ci possono stare dal momento che “non siamo una forza politica bolscevica, ma è chiaro che il Movimento sposa questo progetto politico”, riferendosi ad alcuni dissidenti che non hanno visto di buon occhio la candidatura dell’ex rettore della Federico II ed ex ministro dell’Università. Conte ha poi lanciato un appello ai napoletani affinchè si lavori insieme “per questo progetto”, “date tutti un contributo, voi che amate Napoli e noi che amiamo Napoli”. “Siamo qui in modo semplice, umile e anche franco, con la franchezza che ci è solita – ha aggiunto – per dire ai napoletani che amiamo questa città. Noi saremo tra voi, nei vicoli e nei bassi del centro storico fino alle estreme periferie. Lavoriamo insieme per questo progetto, date tutti un contributo”.

Giuseppe Conte e Gaetano Manfredi si sono recati poi nell’antica pizzeria “Michele” nella zona di Forcella. A pranzo con loro il ministro degli Affari esteri, Luigi Di Maio, la deputata pentastellata Gilda Sportiello e la capogruppo del M5s in consiglio regionale della Campania, Valeria Ciarambino. La giornata di Conte in città  è iniziata con una conferenza stampa congiunta con Manfredi in un hotel del centro storico e proseguirà con una passeggiata nella Pignasecca, dedalo di vicoli a ridosso della centralissima via Toledo.