Elezioni ad Acerra: duro botta e risposta FdI-FI. I meloniani da soli per Crimaldi sindaco

0
587

Botta e risposta a distanza tra Barbato, Fdi, e Nuzzo, Forza Italia. Fratelli D’Italia: “Loro incapaci di fare un lista”. FI: “Sono divisivi, così favoriranno Lettieri” 

Ad Acerra il centrodestra non è riuscito a trovare un accordo sul candidato sindaco per le prossime comunali. Ieri sera Forza Italia si è sfilata dall’asse Fratelli d’Italia-Lega, Lega che da queste parti è rappresentata dalla civica Fare Comune gestita dalla coordinatrice cittadina del partito di Salvini, Nicoletta Di Micco. Intanto subito dopo il forfait di Forza Italia, FdI e Lega hanno quindi deciso di rompere gli indugi e di annunciare il loro candidato, sempre nella stessa serata.

Si tratta di Vincenzo Crimaldi, 59 anni, medico di base piuttosto noto in città. E’ uno storico militante della destra locale. Crimaldi sarà sostenuto soltanto da tre liste. Quella di Fratelli d’Italia e da due civiche, da Fare Comune appunto, compagine che è espressione territoriale della Lega, e da Cittadini per Acerra. La candidatura di Crimaldi è giunta quasi in extremis, praticamente ad appena un solo giorno dalla scadenza per la sua presentazione, fissata a mezzogiorno di domani, in municipio. E’ una vicenda tormentata quella del centrodestra acerrano. All’inizio della trattativa finalizzata a trovare una quadra in vista delle elezioni comunali del 12 giugno sembrava che i giochi fossero fatti e cioè che FI, Lega ed FdI avessero trovato un accordo per andare insieme alle elezioni. Di recente era stata pure annunciata alla stampa, attraverso Raffaele Barbato, esponente cittadino di Fratelli d’Italia, l’intesa unitaria “benedetta” dai responsabili provinciali dei rispettivi partiti, Michele Schiano per Fdi, Francesco Pinto per la Lega e Franco Silvestri per Forza Italia. Poi alla trattativa si è aggiunto il sindaco di Casalnuovo, nonché neoeletto consigliere della Città Metropolitana, Massimo Pelliccia, ormai figura di peso del partito di Berlusconi nel territorio a nordest di Napoli. Ieri sera, infine, c’è stata la rottura, che sembra definitiva. Fratelli D’Italia e la civica della Lega hanno deciso di presentare il candidato sindaco Crimaldi. Nella foto che lo ritrae non c’è il simbolo di Forza Italia.

“Noi comunque stiamo ancora aspettando Forza Italia – ha dichiarato a caldo Raffaele Barbato – non è detto che nelle prossime ore non possa aggiungersi alla compagine, sempreché siano capaci di presentare una loro lista, cosa non certo scontata”. “La decisione di candidare Crimaldi era evidentemente già pianificata da tempo – ha sostanzialmente dichiarato Aldo Nuzzo, esponente locale di Forza Italia –  e in questo modo non hanno fatto altro che dividere il centrodestra. Con questa mossa hanno favorito la coalizione di Lettieri a sostegno di Tito D’Errico”.  Alle ultime elezioni comunali il centrodestra di Acerra ottenne un risultato da dimenticare. Fratelli d’Italia non ottenne nemmeno un seggio (il candidato sindaco era Barbato) mentre Forza Italia e la Lega scomparvero dai radar. Molti militanti e simpatizzanti del partito di Berlusconi si dispersero nelle varie liste civiche che portarono al trionfo del suo secondo mandato Raffaele Lettieri. Comunque il primo cittadino uscente tre giorni fa ha annunciato  che scenderà di nuovo in campo a queste elezioni, stavolta da  candidato consigliere comunale a sostegno di Tito D’Errico, medico reumatologo di 59 anni e suo ex vice nella prima consiliatura 2012-2017. Si profila dunque uno scontro a due tra il “Centro,sinistra”, aperto anche ad altre forze, di Tito D’Errico, e la compagine ”Per Acerra Unita”, del presidente del consiglio comunale uscente Adrea Piatto.