CONDIVIDI
di maio stamane nella 219 di Pomigliano
di maio stamane nella 219 di Pomigliano

“Credo che sia sbagliato apostrofare quest’area come l’area del clientelismo. Qui ci sono persone e famiglie che ci hanno sempre sostenuto senza mai chiederci nulla in cambio se non il buongoverno. Credo invece che siano stati molto trascurati e se vincerà Gianluca Del Mastro le prime azioni saranno nella periferia necessariamente”. Il ministro degli esteri Luigi Di Maio, nonché leader in pectore del Movimento Cinque Stelle, stamattina ha voluto visitare il rione della ricostruzione ex legge 219 di Pomigliano. Tra le mura scrostate dei palazzi, le rovine di alcuni edifici letteralmente distrutti, le infiltrazioni d’acqua e i marciapiedi mangiati dall’incuria, l’esponente politico nazionale pomiglianese doc è entrato nelle case degli abitanti per raccogliere le loro testimonianze. Ad accompagnarlo c’era Gianluca Del Mastro, candidato a sindaco della coalizione PD, M5S, Verdi e civiche, che ha esortato la popolazione locale a esprimersi “domenica e lunedi prossimi attraverso un voto libero e privo di condizionamenti”.  “Sono anni che offriamo a questo Comune la possibilità di utilizzare fondi e nostri progetti governativi per migliorare le condizioni di queste aree – ha detto Di Maio alla folla radunata in un bar poco prima della partenza verso l’insediamento degradato – ma siccome hanno avuto sempre paura che ogni iniziativa potesse essere individuata come un’iniziativa del Movimento allora hanno preferito non fare niente. Deve finire questa storia assurda, questo pregiudizio, questo senso di rivalsa verso di me e verso Valeria Ciarambino”. Poco prima proprio Valeria Ciarambino aveva denunciato dal microfono che “Il Comune di Pomigliano non ha utilizzato bene i fondi europei per la riqualificazione urbana, che vengono usati in forma estremamente ridotta o quasi nulla”.  Quindi l’inizio del tour all’interno degli abitati. “Signora ministro il reddito di cittadinanza ci ha aiutato molto ma qui le condizioni della zona sono pessime, ci sentiamo abbandonati, faccia qualcosa”, l’appello di una signora che qui alleva un bimbo sofferente di autismo e che ha accolto in casa l’esponente del governo insieme con Del Mastro. Poco dopo Di Maio si è recato nell’Isis Europa per incontrare gli insegnanti e annunciare una serie di iniziative finalizzate al rilancio della scuola.

smart
smart