Home Difesa Utenti Coupon su Groupon, come ottenere un rimborso

Coupon su Groupon, come ottenere un rimborso

239
0
CONDIVIDI

I coupon sono un sistema sempre più utilizzato per poter approfittare di offerte e sconti su servizi e prodotti di diverso tipo.

In Italia i coupon su Groupon sono quelli più diffusi, e potrebbe capitare di voler richiedere un rimborso oppure un risarcimento per un coupon che sia stato precedentemente acquistato.

Se anche tu ti sei trovato in una situazione di questo tipo, leggi la nostra guida per sapere come muoverti e come ottenere il tuo rimborso o risarcimento.

Quando puoi richiedere un rimborso da Groupon

Come prima cosa è da specificarsi che è possibile ottenere un rimborso da Groupon ma se si rispettano alcune condizioni.

Per poter richiedere il rimborso dovrà verificarsi almeno una delle seguenti condizioni:

  • Il coupon che hai acquistato non può essere utilizzato per un problema di overbooking. Quindi, in questo caso, significa che sono stati venduti troppi buoni, e che non potresti utilizzarli in ogni caso
  • L’articolo che hai ricevuto dopo l’acquisto su Groupon non è conforme alla descrizione
  • Rispetto al buono il venditore pretende il pagamento di costi aggiuntivi non pattuiti
  • Per problemi creati dal commerciante, non hai potuto ottenere ciò che avresti voluto acquistando il tuo coupon

Quindi, le condizioni per ottenere un rimborso da Groupon sono chiare e semplici, e anche il procedimento per passare alla richiesta di rimborso non sarà difficile da seguire.

Come chiedere il rimborso a Groupon

A questo punto vediamo come poter richiedere il rimborso a Groupon.

A seconda del motivo che ti abbia spinto a richiedere il rimborso a Groupon dovrai occuparti di avere delle prove.

Ad esempio, dovrai cercare di dimostrare la richiesta di costi aggiuntivi, indicando il preventivo scritto che il commerciante ti abbia fatto, pur non richiedendo, tu, dei servizi aggiuntivi ed ulteriori.

Un esempio abbastanza diffuso è quello dei soggiorni. Magari hai prenotato un soggiorno in una Spa e per poter accedere ad una parte dei servizi ti viene chiesto di pagare di più.

In questi casi, quindi, dovrai ovviamente farti realizzare un preventivo scritto, e dovrai poi inviarlo a Groupon nella richiesta di rimborso.

Nel caso in cui, invece, tu non abbia avuto la possibilità di usufruire del tuo coupon per motivi che possono dipendere dal venditore, il procedimento non sarà così complesso.

Un esempio classico è il rifiuto da parte del venditore stesso del tuo coupon: un commerciante non può rifiutarsi a posteriori di partecipare ad un’iniziativa alla quale abbia liberamente aderito!

In questi casi dovrai collegarti al sito di Groupon e dovrai accedere con i tuoi dati e le tue credenziali.

Dovrai, poi, accedere alla pagina di supporto e selezionare il coupon per il quale vuoi richiedere il tuo rimborso.

Successivamente, clicca sul pulsante verde che apparirà e che vedrà la scritta “Continua con la richiesta”. Si aprirà una pagina ulteriore, e qui dovrai selezionare, dal menu a tendina, l’opzione “Problemi generali con il partner”.

Successivamente, potrai anche selezionare ulteriori motivazioni da aggiungere alla tua richiesta di rimborso.

A questo punto, potrai selezionare il pulsante “Ho ancora bisogno di aiuto” e avrai la possibilità di scegliere la tua modalità di contatto tra:

  • La chat, che si aprirà immediatamente
  • La mail, che potrai inviare cliccando sull’apposito pulsante
  • Il contatto telefonico

La tua richiesta di rimborso dovrà, poi, essere esaminata, e Groupon avrà fino a 14 giorni per poterti rispondere.

Nel momento in cui la richiesta venisse accettata, potrai ottenere il tuo importo utilizzando due modalità proposte, costituite o dal buono spesa, che potrai usare sempre sullo stesso sito entro un anno, oppure il rimborso sul metodo di pagamento che avrai utilizzato per acquistare originariamente il tuo coupon.

Naturalmente puoi iscriverti all’associazione Difesa Utenti cliccando qui per unirti gratuitamente agli altri utenti che hanno già avviato questa pratica o che intendono ricevere assistenza legale gratuita.

Se vuoi saperne di più, oppure se vuoi essere aggiornato su tutte le novità e gli argomenti legali che possono farti risparmiare o che possono aiutarti ad ottenere dei rimborsi, puoi iscriverti a Difesa Utenti, associazione a tutela dei consumatori.

Per tutti gli altri articoli pubblicati nella rubrica difesa utenti puoi cliccare qui.