Choc nel luogo di vacanza, bimbo travolto e ucciso da 18enne tassista: positivo al test antidroga

0
1272

La morte di Romeo, il bambino napoletano di 11 anni investito da un tassista a Terracina, ha sconvolto un intero paese.

Nonostante l’immediato trasporto in ospedale, Romeo Golia è morto poco dopo l’arrivo a causa delle gravissime lesioni riportate al momento dell’impatto con l’auto. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri e le testimonianze dei presenti, il tassista, un 18enne di Fondi di nome Nicolas, stava viaggiando ad una velocità molto elevata e non è riuscito a fermare l’auto che ha colpito il piccolo Romeo, il quale stava tranquillamente attraversando sulle strisce pedonali.

Secondo gli ultimi riscontri delle forze dell’ordine, l’autista sarebbe risultato positivo ad un test antidroga al momento dell’impatto fatale, motivo per cui non è riuscito a frenare in tempo, uccidendo il ragazzino napoletano. L’accusa, ora, è di omicidio stradale aggravato.

Dopo la decisione della madre di procedere con la donazione degli organi, arriva la notizia dei funerali che si celebreranno nella parrocchia di Viale dei Pini a Napoli.