CONDIVIDI
Paolo Gallinaro

Le 8 opere presentate sabato 17 dicembre 2016 rimarranno in mostra presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione a Roma.

Nomen omen, come si suol dire; la prima della mostra di Paolo Gallinaro a Roma ha infatti destato quell’effetto “wow” che è parte integrante del titolo dell’esposizione stessa: sabato 17 dicembre, un’ampia cornice di pubblico si è recata al vernissage di Catholicism Wow, presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione a Roma, richiamata dall’intrigante ed ipnotico connubio “tradizional-popolare” delle opere esposte.

La tradizione di un’iconografia millenaria, che ha segnato la storia del mondo occidentale dal medioevo fino all’800, rivisitata in chiave popolare: e la sua sintassi figurativa, quella del fumetto,  è per davvero la più pop che si possa immaginare, in quanto ci accompagna nelle sue forme più eterogenee e moderne da oltre mezzo secolo.

8 le opere in mostra, abilmente collocate in un agile percorso museale che si snoda tra le navate della chiesa capitolina. E per chi avesse perso il vernissage, non c’è da preoccuparsi: le sculture del San Sebastiano e del San Michele e le opere su tela raffiguranti la Natività, San Francesco d’Assisi, l’Annunciazione, l’Assunzione di Maria, L’Ultima Cena e la Crocifissione rimarranno in mostra ancora per alcuni mesi presso la chiesa sita in Piazza della Consolazione a Roma.

Ecco una gallery che ripercorre l’evento: