Annuncio di lavoro choc: “Cerchiamo receptionist ma serve foto in bikini”

0
485

Siamo nell’anno 2022 e la mercificazione del corpo delle donne purtroppo è ancora un tema estremamente ricorrente.

Un’azienda ben nota di Napoli ha pubblicato un annuncio di lavoro online che non è passato inosservato, certamente non per la qualità del lavoro richiesto né per la retribuzione offerta.

Cerchiamo una receptionist che parli inglese fluentemente” inizia così l’annuncio shock che ha destato non poca rabbia e polemiche sul web. Dalle prime righe sembrerebbe regolare, normale, ma continuando a leggere si comprende quanto non ci sia proprio niente di normale. Viene richiesta una donna di bella presenza, affabile e solare e, nonostante non si riesca bene a capire perché una persona che lavora in una reception debba possedere queste determinate caratteristiche, poi arriva la parte peggiore in cui si legge letteralmente “si richiede una foto a figura intera in costume da bagno o similare“.

Se l’annuncio avesse richiesto una fotomodella non ci sarebbe stato nulla di male ma purtroppo si cerca una receptionist, ossia una persona che stia alla reception, mestiere che non comprende il mostrare il proprio corpo né tanto meno la bella faccia (richiesta insieme ad altre caratteristiche inutili). Questa azienda del Centro Direzione richiede la bellezza e la quasi nudità invece della preparazione e delle capacità lavorative effettive che no, non comprendono assolutamente tutto ciò che viene richiesto nello scandaloso annuncio.

Storie del genere accadono purtroppo di continuo, sia per il genere femminile che per quello maschile. Un fenomeno, quello della mercificazione del corpo (soprattutto quello delle donne), che va combattuto e denunciato sempre e, proprio per questo, la risposta giusta ad una richiesta imbarazzante del genere, ai limiti del sessismo, resta sempre un grande “NO”.

L’annuncio integrale