CONDIVIDI
Acerra-Casalnuovo lo sversamento killer con il furgone_edited

Operazione dei carabinieri forestali che grazie a un video dei Volontari Anti Roghi e di Alessandro Cannavacciuolo hanno scovato alcuni scaricatori criminali di località Aria di Settembre. Immagini choc: una montagna di rifiuti      

 

Il filmato è di quelli che impressionano parecchio perchè mette a nudo tutta l’indole criminale di chi violenta l’ambiente in cui viviamo. Nelle sconcertanti immagini catturate da un drone fatto volare in piena Terra dei Fuochi si possono scorgere due individui intenti a “lanciare” dal loro camioncino una raffica di rifiuti all’interno di un’enorme discarica abusiva piazzata nel territorio di Acerra, al confine con quello di Casalnuovo, in località Aria di Settembre, una distesa di terreni coltivati a ortaggi. Il video, registrato il 17 febbraio, è stato quindi consegnato dagli ambientalisti dei “Volontari Anti Roghi di Acerra” ai carabinieri forestali. Alla fine grazie a questo documento audiovisivo i militari della stazione dei forestali di Marigliano, diretti dal maresciallo Alessandro Cavallo, hanno multato e denunciato a piede libero uno dei due scaricatori, un soggetto di Casalnuovo, e un altro personaggio residente ad Acerra, l’affittuario del terreno in cui si è formato il gigantesco sversatoio, una vera e propria montagna di rifiiuti speciali: plastiche, metalli, scarti dell’edilizia, bidoni e borsoni contenenti non si sa ancora cosa (si attende il sopralluogo dell’Arpac). Nel frattempo i carabinieri del maresciallo Cavallo sono sulle tracce del complice che ha aiutato lo scaricatore casalnuovese, poi identificato e denunciato, a sversare i rifiuti. Restano però quelle immagini da brivido che immortalano la “montagna” di schifezze ammassate in quella che una volta era una delle zone agricole più fertili della Campania ma che oggi più che mai risulta un’immensa discarica abusiva piazzata al confine dei territori di Acerra, Casalnuovo e Pomigliano. E le bonifiche sono una chimera.