CONDIVIDI

Durante i lockdown, i giovani hanno pagato un prezzo alto, soprattutto da un punto di vista sociale. Il 1° giugno è partita la campagna vaccinale per i maturandi i quali potranno affrontare l’esame di maturità serenamente. 

 

Prosegue spedita la campagna di vaccinazione, partita il 1° giugno, che vede come protagonisti i maturandi. Gli stessi ragazzi che sono stati costretti a vivere in un mondo di incontri virtuali, un mondo in cui cambia, inevitabilmente, la percezione dell’accessibilità dello spazio e dunque della mobilità. Per non parlare della chiusura della scuola e del suo funzionamento a ‘singhiozzo’ che ha provocato non pochi disagi diffondendo tanta incertezza.  Finalmente, anche per questi giovani è arrivato il giorno della rinascita con il via alle vaccinazioni. Per i 17enni il vaccino indicato è lo PfizerBioNtech mentre a tutti gli altri sarà inoculata la dose di Johnson&Johnson.

Nei diversi hub vaccinali c’è stata una massiccia partecipazione e un grande entusiasmo da parte dei giovani, i quali hanno superato quelle che erano le reticenze di qualche adulto.

Di seguito riportiamo le testimonianze di alcuni ragazzi che abbiamo incontrato al centro vaccinale di Somma Vesuviana e di Marigliano

Ora che sei vaccinata affronterai la maturità con più serenità?

 Sicuramente. Indosserò sempre la mascherina e seguirò sempre tutte le norme di sicurezza, ma sapere di essere vaccinata mi rende molto più tranquilla.

Avrebbe avuto più senso, ai fini dell’anno scolastico, vaccinare i maturandi e il resto dei ragazzi prima del rientro?

Sì, ne abbiamo fatto diretta esperienza.  Durante il mese di aprile un compagno di classe ha contratto il virus e c’è stato panico tra tutti noi. Siamo corsi a fare il tampone, anche quello rapido, per accertarci se avesse contagiato qualcun altro. Per fortuna tutto  è andato bene perché siamo stati sempre a distanza e siamo persone abbastanza mature, ma nella scuola allo stesso tempo si sono registrati diversi casi. Sarebbe stato più opportuno vaccinare noi ragazzi insieme ai docenti in modo da poter svolgere tutte le attività in maniera serena.

Sei preoccupata per gli effetti del vaccino?

Inizialmente ero un po’ preoccupata, poi però ho visto che tutti avevano gli stessi sintomi e mi sono tranquillizzata.

Anche se la preoccupazione per gli effetti del vaccino è comune nei ragazzi, d’altro canto è prevalsa in loro la consapevolezza che solo percorrendo la strada della vaccinazione è possibile raggiungere l’immunità globale.

Non ci resta che augurare buona fortuna ai maturandi.