CONDIVIDI

È da tempo ormai che l’argomento “unioni civili” è all’ordine del giorno. In molti paesi del vesuviano e del nolano sono già stati celebrati diversi riti per unire in matrimonio due persone dello stesso sesso e oggi, finalmente, è successo anche a Saviano.

 

Ad annunciarlo è lo stesso Sindaco Simonelli tramite un post su Facebook esprimendo tutto il proprio orgoglio: ” Sono doppiamente onorato, da sindaco in primis e da uomo di diritto poi, perché ritengo questo riconoscimento giuridico un’importante conquista di civiltà che garantisce parità e uguaglianza a tutte le persone. A Roberta e Marie il mio personale augurio di una vita felice, vissuta nella piena condivisione dell’amore.”

Un messaggio di positività quello trasmesso da Simonelli che tiene a sottolineare soprattutto l’importanza dell’inclusione e dell’uguaglianza sociale, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale. Un passo in avanti sicuramente importante per la città di Saviano che, come tutti gli altri paesi, sta includendo una gamma di valori che per troppo tempo sono stati ignorati. Ogni giorno purtroppo siamo costretti ad ascoltare commenti omofobi, razzisti, discriminatori nei confronti degli omosessuali, e più in generale della comunità LGBT, per un motivo che è esattamente l’opposto dell’odio continuamente riversato: l’amore.

Ed è proprio di questo che parliamo, di amore, e di una unione basata su uno dei sentimenti più puri e liberi che possano esistere, e se davvero è libero, allora non dovrebbe importare il sesso delle persone che lo provano e che proprio su di esso vogliono costruire la propria vita insieme.

(fonte foto: rete internet)