CONDIVIDI
dav
Prendo spunto da una nota recentemente  pubblicata  riferita alla bella cittadina in cui vivo da ben 40 anni che titola:UNA CITTÀ IN SALUTE per il progresso di Sant’ANASTASIA
per riprendere il tema del DECORO a me caro, che coinvolge con le medesime responsabilità istituzioni e cittadini.
– SALVIAMO IL SALVABILE è lo slogan che anima le mie osservazioni, perché ritengo che una città sia veramente in salute, solo quando chi ci vive ha rispetto delle regole e dei luoghi che abita e chi Amministra aldilà delle beghe politiche e lotte intestine  improduttive,  dia risposte e soluzioni alle piccole cose riguardanti il bene comune.
“Una Città in Salute – per il decoro di Sant’Anastasia”, è invece il mio appello e ciò significa dare attenzione alla segnalazione che oggi ripropongo, riguardante le deiezioni canine non raccolte dai marciapiedi.
OGGI in particolare riguardano i giardinetti della rappresentativa piazzetta San CIRO, per la quale segnalai sui social la cura del verde per dare decoro a quell’angolo di paese per il quale erano state spese risorse per il suo abbellimento.
La segnalazione fu raccolta pur trovandoci in periodo di commissariamento.
OGGI a distanza di poco più di un MESE, quei giardini ancora ben tenuti dopo l’intervento di RASATURA, hanno fatto emergere oltre a ceppi di funghi nel prato, l’incivilta’ di chi ha pensato:
“che bello ora il mio cane potrà cagare su un bel prato verde e non tra le erbacce”… come testimoniano le foto scattate recentemente.
– La mia rabbia e indignazione di cittadino che ama il proprio paese, è ancor più grande perché in questo gesto di inciviltà, vi leggo uno sfregio,  dal momento che nella stessa piazzetta è ben visibile il contenitore a tal scopo istallato.
Termino, lasciando CONCLUSIONI E CONSIDERAZIONI A CHI LEGGE sollecitando nel contempo, una maggiore attenzione a chi è preposto a vigilare e agli AMMINISTRATORI lancio la proposta di istituire in paese, aree attrezzate e dedicate alle esigenze dei nostri ANIMALI.
SALVIAMO IL SALVABILE per UNA CITTÀ IN SALUTE.
 Ciro NOTARO

dav
dav
dav