Home Politica Sant’Anastasia, il punto del programma: parla il Sindaco

Sant’Anastasia, il punto del programma: parla il Sindaco

223
0
CONDIVIDI

Settembre è alle porte e l’Ente si avvia a riprendere a pieno ritmo tutti i servizi e lavori che nelle ferie estive hanno subito un rallentamento fisiologico. Un’occasione propizia per fare il punto dello stato dell’arte direttamente con il primo cittadino.

 

A breve tutti gli organi amministrativi e gli uffici saranno impegnati nelle realizzazione del programma. A che punto siamo dopo la sua rielezione?

 

“Quando si parla di ripresa si parla in senso generale, perché noi in realtà non abbiamo mai smesso di lavorare, dando la giusta attenzione al paese. Mi reputo soddisfatto fin qui della vita della nuova amministrazione, ho nominato in poco tempo la Giunta, abbiamo trovato l’assetto consiliare, l’abbiamo fatto in modo veloce e questo fa capire che abbiamo le idee ben chiare, abbiamo un programma da rispettare. L’operato della prima parte dell’amministrazione, oltre a gestire la quotidianità, ci ha visto impegnati a lavorare sulla programmazione.

 

Sono arrivati vari finanziamenti…

 

Si, abbiamo intercettato dei finanziamenti della città metropolitana ed abbiamo presentato dei progetti in stato avanzato. Abbiamo avuto il finanziamento per gli spettacoli musicali, quindi, come abbiamo avuto la fortuna negli anni scorsi di portare artisti del calibro di Avitabile, d’Alessio, Schettino, avremo delle serate con artisti di fama e tanti altri di ottimo livello che ci faranno godere serate musicali di rilevanza nazionale. Abbiamo ottenuto finanziamenti anche per dotarci delle indagini e studio delle micro-zone sismiche del paese e per l’utilizzo di energia pulita, in particolare presso gli edifici scolastici. Nella programmazione stiamo vagliando l’allestimento di un ufficio ad hoc per i finanziamenti europei; sappiamo tutti che il sud Italia è il fanalino di coda rispetto agli altri paesi europei, gli Enti non riescono ad intercettare od a spendere i finanziamenti, per cui un ufficio specifico sarà un valore aggiunto e  ci permetterà di fare tantissime cose a costo zero reperendo finanziamenti europei che sono dovuti all’Italia, perché noi facciamo parte dell’Europa, facciamo parte di quest’unione europea contribuendo economicamente e quindi dobbiamo essere bravi e capaci, con progetti definitivi pronti all’occorrenza, a partecipare ai bandi europei ed utilizzare i fondi disponibili.

 

A che punto sono le scuole?

 

Ci apprestiamo all’apertura del nuovo anno scolastico e stiamo dando attenzione in questi giorni a tutti gli edifici. Ne approfitto per dare il benvenuto alle due nuove Dirigenti scolastiche del primo e secondo istituto comprensivo alle quali daremo la massima accoglienza e per ringraziare le precedenti Dirigenti. La platea scolastica troverà gli istituti pronti e ciò è frutto del lavoro dei prossimi giorni ed anche del lavoro che abbiamo fatto in estate, dando priorità alla manutenzione grazie all’apparato comunale, dipendenti e funzionari sempre solerti nell’alternarsi tra di loro per assicurare il raggiungimento dei nostri obiettivi ed attenzione alle scuole.

 

Una buona notizia è la nuova Caserma in arrivo?

 

E’ già in atto il trasloco degli uffici da via Primicerio a palazzo Siano per consegnare finalmente all’arma dei carabinieri la nuova caserma. Stiamo aspettando l’ultimo incontro per definire la questione, ma siamo in dirittura di arrivo e l’arma dei carabinieri avrà a disposizione l’intero edificio di via Primicerio. Di questo ne sono fiero ed orgoglioso per aver dato lustro e la giusta dignità ai Carabinieri, perché in quella attuale hanno finora lavorato in poco spazio, assicurando comunque ottimi risultati, ma la nuova sede per noi è un segnale di grande attenzione, di sicurezza per il territorio e di grande rispetto.

 

Il tema ambientale è sempre più attuale…

Stiamo continuamente monitorando e sorvegliando il territorio anche con la nostra presenza diretta insieme alla P.M., agli Ispettori Ambientali, alla Protezione Civile, ai collaboratori per cercare di tenere quanto più alta la percentuale di raccolta differenziata e il paese sempre pulito. Purtroppo devo registrare ancora una volta che ci sono una parte di persone – e dico fortunatamente una piccola percentuale – che non vogliono adeguarsi a questo nuovo sistema, non hanno capito l’importanza della differenziata e dell’impatto ambientale, quindi faccio un appello a chi oggi si distrae, a chi è ancora superficiale invogliandoli ad avere l’attenzione che merita il settore ambientale.

 

E’ proprio necessario potenziare l’ufficio tributi con una ditta esterna?

Sul tema, per quanto mi riguarda, ci sono polemiche sterili, inutili e dannose per i cittadini perché vanno contro l’operatività dell’amministrazione che cerca di fare il massimo per migliorare il suo modo di lavorare, per dare la possibilità al paese di crescere. L’amministrazione precedente, sempre da me guidata, con la delibera di ottobre 2018 ha manifestato l’intenzione e la volontà di esternalizzazione l’ufficio tributi o una parte dell’ufficio tributi. Questo per fare che cosa? Per cercare di arrivare a quella percentuale di persone che ancora oggi evade o elude il fisco a livello locale. Ovviamente questa intenzione dell’amministrazione è a costo zero per i cittadini, perché si tratta di un supporto che si autofinanzia con il recupero dell’elusione o evasione e ci dà due possibilità: di scovare i contribuenti che sono in difetto e di pagare tutti e pagare di meno. Ci sono state tantissime amministrazioni che hanno cercato di risolvere questo problema, di abbassare le tasse; con questo sistema noi cercheremo di fare il massimo, di far pagare tutti per una questione di giustizia sociale, per una questione di equilibrio e di rispetto. Pagare tutti e pagare meno credo che sia la cosa più semplice, segno anche di buona e corretta politica”.