Reati ambientali nel Vesuviano, blitz interforze a Pompei: sequestri e denunce

0
343

Cinque attività commerciali sequestrate e oltre 153 mila euro di sanzioni nell’Action day interforze nella ‘Terra dei Fuochi’, nei Comuni di Francolise e Sparanise, in provincia di Caserta e nel Comune di Pompei nell’Area Metropolitana di Napoli.

Non si è fermata l’azione delle donne e degli uomini dell’Esercito Italiano e delle Forze dell’Ordine impegnate nell’Operazione “Terra dei Fuochi”, anche nel periodo di Ferragosto, nel contrasto alle attività illecite che producono rifiuti speciali, industriali, artigianali e commerciali operando successivamente lo smaltimento illecito di rifiuti e causando così roghi tossici per la popolazione. In particolare, gli Action Day settimanali si sono concentrati nella provincia di Caserta e Napoli portando a risultati di assoluto rilievo.

Il giorno 10 agosto, nei comuni di Francolise e Sparanise, l’intervento dei militari dell’Esercito e delle Forze dell’Ordine, supportati dalle agenzie territoriali interessate al contrasto dei reati ambientali, ha permesso il controllo di 4 attività, di cui 2 sequestrate e l’identificazione di 11 persone. Inoltre, sono state comminate sanzioni per illeciti amministrativi, con ammende quantificate in oltre 70 mila euro.

Per il controllo e verifica dei siti individuati dagli specialisti dell’Esercito Italiano e del ROAN della Guardia di Finanza attraverso strumenti operanti nella terza dimensione e quelli individuati dalle Questura di Caserta e Napoli e dalle Polizie Locali, sono stati impiegati 6 equipaggi, con un totale di 17 donne e uomini, messi in campo dall’Esercito Italiano su base 3° Reggimento Bersaglieri, con unità della Polizia di Stato di Santa Maria Capua Vetere, Guardia di Finanza di Mondragone e Capua, Carabinieri di Sparanise e Francolise, Polizia Provinciale di Caserta, Polizia Municipale di Sparanise e Francolise, oltre che la ASL Veterinaria e personale dell’ARPAC di Caserta e dell’Ispettorato Centrale Repressione delle Frodi (ICQRF).

Il giorno 11 agosto, nel comune di Pompei, l’intervento per il contrasto dei reati ambientali ha permesso il controllo di 7 attività, di cui 3 sequestrate e l’identificazione di 19 persone, di cui 2 denunciate all’Autorità Giudiziaria. Inoltre, 3 persone sono state sanzionate per illeciti amministrativi, con ammende quantificate in circa 83 mila euro.

Per il controllo e verifica dei siti individuati con il coordinamento diretto della Dott.ssa Palumbo, Dirigente del Commissariato di Pompei, sono stati impiegati 7 equipaggi per un totale di 18 donne e uomini, messi in campo dall’Esercito Italiano su base 3° Bersaglieri e Cavalleggeri Guide 19°, con unità della Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Municipale di Pompei, Guardia di Finanza di Torre Annunziata e funzionari dell’Ispettorato Centrale Repressione delle Frodi (ICQRF).

Per garantire ai cittadini un rientro più sicuro dalle vacanze, prosegue senza sosta e pause l’azione di prevenzione e repressione dell’abbandono illecito e di roghi dei rifiuti, secondo il piano congiunto delle Prefetture e Questure di Napoli e Caserta con la direzione e coordinamento del Vice Prefetto Filippo Romano, Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania.