Pomigliano, da base dei narcos a spazio per i minori: ecco il centro Falcone e Borsellino

0
716
a sx l'assessore Esposito, a dx il sindaco Del Mastro
a sx l'assessore Esposito, a dx il sindaco Del Mastro

Inaugurata nel rione 219 una delle prime, importanti opere strutturali del nuovo corso Del Mastro. La struttura era stata abbandonata per decenni. I ragazzi vi potranno fare il doposcuola e tante altre attività educative di laboratorio 

 

Dopo vent’anni di abbandono da parte del Comune di Pomigliano il centro sociale ex Momo era stato trasformato dai clan del rione della ricostruzione in un fortino di criminali, con tanto di base di spaccio della droga e di deposito per la refurtiva delle merci rubate. Tempo fa i carabinieri vi scovarono i computer razziati dalla scuola elementare che si trova lì accanto. Ma la storia è cambiata. La nuova amministrazione municipale retta dal sindaco Gianluca Del Mastro ha voluto strappare alla criminaltà questo bene finito per due decenni nell’oblio. Una struttura che era stata creata due decenni or sono dalla ex giunta di centrosinistra, per un fine nobile: togliere dalla strada i tanti ragazzi del rione 219, il posto più degradato e difficile della città. “Ora c’è una cooperativa sociale che la gestisce grazie a un affidamento del Comune – spiega Naima Sodano, funzionario dei servizi sociali municipali – i ragazzi svolgeranno all’interno della struttura attività pomeridiane tutte gratuite”.

Per creare un ambiente eterogeneo all’interno di quello che è stato ribattezzato “Centro di Aggregazione Sociale Falcone e Borsellino” e, quindi, per rendere possibile l’incontro tra i minori di tutti i ceti sociali, l’amministrazione comunale ha istituito un pulmino che tutti i giorni porterà in questo laboratorio di periferia i ragazzi provenienti dalle zone più abbienti del centro di Pomigliano. Intanto il Falcone e Borsellino è stato inaugurato qualche giorno fa dal sindaco Del Mastro e dall’assessore alle politiche sociali, Salvatore Esposito. L’ ex centro Momo è il primo centro di aggregazione giovanile di Pomigliano ed è dedicato ai ragazzi dagli otto ai sedici anni. Un impianto polifunzionale nato per offrire gratuitamente ai minori attività che mirino allo sviluppo del team building, della cooperazione, dell’espressione della propria creatività e della capacità di comunicare. Fra i diversi servizi offerti spiccano i laboratori di street art, musica, musica rap, ceramica, arti circensi, danza e arti sceniche. Organizzato anche il doposcuola pomeridiano. Si punta allo  sviluppo dell’integrazione sociale e della capacità di interazione dei ragazzi con il mondo che li circonda per una crescita sana, lontana dalle tentazioni della strada.

“Abbiamo inaugurato quest’opera dopo averla rimessa totalmente in sesto  – spiega l’assessore Esposito – il centro Falcone e Borsellino è il primo centro di aggregazione giovanile sul nostro territorio ed è  stato bello percepire l’ entusiasmo intorno a questa iniziativa, soprattutto da parte dei tanti ragazzi presenti. L’impianto – aggiunge l’esponente dell’esecutivo Del Mastro  –  è ubicato nella piazzetta Boris Giuliano e rappresenta un nuovo, concreto, traguardo della nostra amministrazione. Ci auguriamo che per i ragazzi del nostro territorio possa rappresentare un punto di riferimento grazie alle tante attività laboratoriali che saranno offerte a titolo completamente gratuito”.