Militari chiudono carrozziere di Palma Campania

0
333

Si torna a parlare di rifiuti speciali e smaltimento illecito, fenomeno estremamente presente in tutta l’area metropolitana di Napoli.

Solo un anno fa era stato lanciato l’allarme per la maxi discarica di rifiuti pericolosi individuata proprio al porto di Napoli. Questa volta, invece, si tratta di un’officina di autocarrozzeria situata a Palma Campania in cui i Carabinieri della stazione di Roccarainola hanno trovato ben 20 mc di rifiuti speciali, pericolosi e non, situati nel piazzale esterno della struttura. A gestire lo smaltimento illecito era un 50enne del posto che utilizzava un capannone attiguo all’officina come stazionamento temporaneo dei rifiuti che poi venivano prelevati e portati altrove.

All’interno della struttura adibita a discarica temporanea, i militari hanno trovato vernici, solventi, saldatrici e un forno per verniciatura, tutti abusivi poi posti sotto sequestro.

I Carabinieri, inoltre, hanno prontamente sequestrato anche le due strutture e denunciato l’uomo per l’attività abusiva mentre continuano ad indagare per capire se ci siano altre persone coinvolte o eventuali collegamenti con le altre discariche abusive scovate negli ultimi mesi.

Non è la prima volta che Palma Campania si ritrova al centro delle cronache per smaltimento illecito di rifiuti speciali. Proprio lo scorso settembre, infatti, era stata individuata un’area di circa 1.400 metri quadri in cui veniva praticato questo tipo di abusivismo su cui i militari stavano indagando già da mesi grazie ad un collegamento con la città di Tufino.