Home Attualità Marigliano, ancora fermo l’Albo Pretorio online: stop agli aggiornamenti da oltre un...

Marigliano, ancora fermo l’Albo Pretorio online: stop agli aggiornamenti da oltre un mese

CONDIVIDI

Come si apprende dai documenti della Gazzetta Ufficiale, l’Albo Pretorio On Line è il servizio che permette agli Enti di adempiere agli obblighi previsti dall’art.32 della legge 18 giugno 2009, n.69, recante “Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile”. In particolare, a interessare è l’Art. 32 (Eliminazione degli sprechi relativi al mantenimento di documenti in forma cartacea):

1. A far data dal 1º gennaio 2010, gli obblighi di pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicità legale si intendono assolti con la pubblicazione nei propri siti informatici da parte delle amministrazioni e degli enti pubblici obbligati.

Insomma, sono ormai dieci anni che le pubbliche amministrazioni sono obbligate a pubblicare i documenti ufficiali sul web, nella sezione del sito istituzionale denominata appunto “Albo Pretorio On Line”: delibere, determine e ordinanze devono essere caricate sul portale e messe a disposizione della cittadinanza, in virtù della trasparenza, aggiornando in tempo reale e comunque nel più breve tempo possibile. Purtroppo, però, l’Albo Pretorio On Line del Comune di Marigliano, dove si è appena insediato il sindaco Peppe Jossa, è fermo al palo dal 2 settembre scorso, nei giorni in cui il sito istituzionale rimase vittima di un attacco hacker, da quel che risulta. Da allora è trascorso oltre un mese, si sono svolte le elezioni e il lavoro della nuova amministrazione è già in corso: tuttavia nessun documento viene caricato e questo a discapito della trasparenza e di sicuro non a vantaggio del cittadino. Non viene aggiornato il vecchio sito e nel frattempo non si trova nulla nemmeno sul nuovo.

Non si riesce a capire quale sia il problema, anche se prima di decadere lo stesso commissario prefettizio aveva assicurato che erano iniziate le prime operazioni di aggiornamento del portale. Ad oggi, però, ancora nulla risulta dalle pagine web.

L’art. 32 della legge 28 giugno 2009, di cui sopra, introduce e impone chiari obblighi di pubblicazione sui siti informatici.
Infatti, con specifico riferimento agli obblighi di pubblicazione degli atti degli enti locali, l’introduzione dello strumento informatico ha comportato l’implicita abrogazione della disciplina della “pubblicazione delle deliberazioni” contenuta nell’art. 124 del d. legs. n. 267/2000, nella sola parte in cui dispone che la pubblicazione avvenga “mediante affissione all’albo pretorio nella sede dell’ente …”, sostituita dalla pubblicazione sul sito istituzionale dell’ente, fermo restando il termine di 15 giorni consecutivi o di altre specifiche disposizioni di legge. Ai fini dell’osservanza degli obblighi posti dal citato art. 32 gli enti locali possono adottare appositi regolamenti per la gestione delle procedure di pubblicazione degli atti sull’albo pretorio on line, in cui disciplinare i diversi profili di attuazione della norma, tra i quali le modalità di accesso e pubblicazione, gli atti soggetti a pubblicazione, le garanzie della riservatezza.

L’art. 32, comma 1, della legge citata dispone che “gli obblighi di pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicità legale si intendono assolti con la pubblicazione nei propri siti informatici da parte delle amministrazioni e degli enti pubblici obbligati”. Il Comune di Marigliano non sta assolvendo a un proprio dovere e la cosa va avanti da oltre trenta giorni. Quando i cittadini potranno nuovamente usufruire di un prezioso strumento di democrazia?

Su Facebook, in risposta ai numerosi post di aggiornamento Covid del neo sindaco Jossa, si fanno notare alcuni messaggi che mettono in risalto proprio questo, oltre a sottolineare il mancato funzionamento dei feedback alle PEC: “La cortesia di indicare dove è stato trasferito l’albo pretorio on line del Comune. Il vecchio sito non è aggiornato dal primo settembre. Il nuovo sito non è alimentato. Le comunicazioni in albo pretorio on line dove sono consultabili?”, chiede un utente al primo cittadino, senza però ottenere risposta.

Il settore Informatica dell’ente comunale dovrebbe offrire un servizio che al momento non c’è, al netto degli ostacoli posti dall’hackeraggio (ormai superati): quando arriveranno risposte e fatti concreti per superare gli annosi disservizi con cui quotidianamente i mariglianesi devono fare i conti?