CONDIVIDI

La produzione di una linea di pantaloni riconvertita per la creazione di mascherine riutilizzabili e lavabili. 2.000 mascherine al giorno, con una donazione giornaliera di 100 pezzi al comune di San Giuseppe Vesuviano.

La nota azienda partenopea, proprietaria dei marchi di respiro internazionale ENTRE AMIS e COROGLIO, ha deciso di scendere in campo, nel suo piccolo, per l’emergenza del Coronavirus convertendo la produzione di una linea di pantaloni in mascherine protettive, antipolvere e impermeabili.

Tale produzione, ai sensi dell’articolo 15 – DL 18 del 17 Marzo 2020, garantirà 2.000 mascherine al giorno, con numeri in continua crescita. Di queste, la C.A. Group s.r.l. ha deciso di donare 100 pezzi al giorno al comune di San Giuseppe Vesuviano, città d’origine della famiglia Casillo, proprietaria dell’azienda.

Le mascherine rispondono ai requisiti della norma UNI EN 14683:2019 e ai requisiti di biocompatibilità secondo la norma UNI EN ISO 10993-1:2010. Esse si compongono di due strati di tessuto, quello esterno con trattamento WR (Water Resistant) e quello interno anallergico 100% cotone naturale, e sono lavabili in lavatrice a 90 gradi prima di ogni riutilizzo.

“In questo momento difficile per tutti, vogliamo dare un nostro piccolo contributo alla lotta contro il Covid-19, convertendo parte della nostra produzione in mascherine, necessarie per tutto il nostro Paese per affrontare il virus, sperando che tutto questo finisca molto presto” ha dichiarato il CEO della C.A. Group, Antonio Casillo.