Home Lo Scarno Il mondo è una palla

Il mondo è una palla

88
0
CONDIVIDI

‘U munn è na’ palla che zompa e ch’abballa e comm’ na’ palla che zompa e ch’abballa, fa chell che vo’… cantava Peppiniello o’ straccione per le strade dei paesi vesuviani negli anni ’70.

A ripensarlo oggi, Peppeniello, con quel suo faccione tondo e rosso, felice ma non sapendo di esserlo, entra di diritto nel novero dei Profeti inascoltati. È vero, il mondo è una palla e questa certezza la stiamo riscoprendo grazie alla campagna elettorale, grazie ai leader in campo, grazie ai sacchi di palle che ci stanno sparando addosso tutti i giorni.

Le rotondità delle promesse di propaganda ci stanno sfiancando ma anche divertendo: Renzi vuole togliere il canone  Rai, dopo aver combattuto per farcelo pagare in bolletta Enel; Berlusconi vuole eliminare il bollo sulla prima auto; Grasso vuole abolire le tasse universitarie; Salvini tassare al 15% i redditi da lavoro; sempre Berlusconi ha promesso una pensione minima garantita di mille euro, ma anche la dentiera per gli anziani e pure di togliere l’Iva dal cibo per cani e gatti.

Insomma, ci troviamo in un circo dove si festeggia la fiera della vacuità, con dei “leader” – Berlusconi e Renzi su tutti – che fanno a gara a chi le spara più grosse. A guardarli, li vedi così strafottenti, così tirati a lucido, così falsamente sorridenti, così felici.

Così in palla…