CONDIVIDI

Si è tenuto nella splendida cornice di Villa Domi a Napoli l’evento “Cenando sotto un cielo diverso”. Uno street food solidale che ha visto all’opera più di 80 esperti del settore della enogastronomia, tra chef stellati, cuochi di acclarato livello, pasticcieri, maestri panificatori, pizzaioli e poi produttori locali, cantine vinicole, bar tender, aziende agroalimentari d’eccellenza.

Beneficenza, valorizzazione del territorio e corretta comunicazione dei suoi prodotti. Queste le chiavi del successo di “Cenando sotto un cielo diverso”, la cui edizione invernale si è tenuta a Villa Domi, una delle ville storiche di Napoli disposta in un incantevole parco panoramico su una delle colline che dominano il Golfo. Un progetto ideato dalla dott.ssa Alfonsina Longobardi e organizzato dall’’Associazione “Tra cielo e mare”, che opera a sostegno delle persone con disagi psichici e di altra natura che vuole anche valorizzare il territorio campano e i suoi prodotti.

Doppia la finalità benefica dell’evento: raccogliere denaro per l’acquisto di giochi da donare durante il periodo natalizio ai bambini ospedalizzati presso il Santobono Pausilipon  e proseguire la raccolta fondi per la costituzione di un laboratorio ludico didattico presso l’ospedale Monaldi per persone affette da sindromi schizofreniche.

A “Cenando Sotto un Cielo Diverso” hanno partecipato chef stellati, quali Ciro Sicignano, Domenico Stile, Gianluca D’Agostino e poi tanti bravissimi professionisti del settore. Ora, dopoquesto grande successo, il progetto di “Cenando sotto un Cielo Diverso” prevede anche lo svolgimento di un galà di beneficenza il 12 dicembre. L’evento si svolgerà a Tenuta San Domenico, un’altra bella location ubicata nel casertano. In questa occasione, oltre a un parterre artistico d’eccezione che animerà la serata, saranno protagonisti ai fornelli gli chef stellati Danilo Di Vuolo, Giuseppe Aversa, Michele de Blasio, Michele De Leo e Raffaele Vitale e poi i maestri panificatori Domenico Fioretti e Filippo Cascone; e il pastry chef Marco Aliberti.