CONDIVIDI

Preambolo. In elettrotecnica il cortocircuito è un collegamento tra due punti di un circuito elettrico che ha una resistenza praticamente nulla. La legge di Ohm collega la tensione tra i due punti al prodotto tra la resistenza del conduttore e l’intensità di corrente. Nel caso di un cortocircuito, la resistenza e la tensione sono quasi nulle e, utilizzando la legge di Ohm, si dimostra che vi corrisponde un’intensità di corrente molto elevata. Sebbene questo tipo di operazione possa essere fatta volutamente, molto spesso è involontaria e può creare danni agli impianti elettrici, fondendo i conduttori. Il Napoli sembra soffrire di sporadici cortocircuiti.

Copertina_Genoa-NapoliLa partita. Guardando la partita con il Genoa, l’impressione è che il Napoli la possa vincere facilmente, è aggressivo, arriva anche davanti a Perin, ma non mancano amnesie momentanee, che permettono agli avversari di farsi pericolosi, il Napoli va in cortocircuito. Potrebbe non sbloccarsi mai, ma la partita cambia registro grazie al gesto del singolo, che finalizza gli sforzi che il Napoli fa nella manovra. Gli azzurri passano in vantaggio con il solito Mertens, che cerca e trova l’angolino lontano. Il Napoli non è solo malato di sporadiche amnesie, ma a volte sembra superficiale nella gestione della palla. Già nel primo tempo regala occasioni agli avversari per gestioni sbagliate della palla. Inspiegabilmente, Mertens butta in angolo un pallone, da quell’angolo gli avversari segnano di testa con Goldaniga. Il Napoli fonde i circuiti. Per evitare la pressione avversaria il Napoli tenta anche il lancio lungo per ripartire. In uno di questi frangenti, Fabian trova in profondità Lozano, è un piedino millimetrico quello di Fabian, il messicano dimostra intelligenza nello smarcarsi e mette in mostra la sua velocità. Il Napoli finisce difendendosi, e porta a casa la vittoria.

Conclusioni. Il Napoli merita la vittoria, e dopotutto non soffre eccessivamente. Ma a tratti si distrae, gli azzurri sono superficiali nella gestione di alcune palle. Il Napoli si cortocircuita e rischia di fondere i circuiti e distruggere l’impianto che ha costruito. Questi sono limiti da superare nel futuro prossimo, per programmare la prossima stagione.