Feste tra terza dose e Super Green Pass: ecco come sarà il Natale 2021

0
348

 

Il Natale è ormai alle porte in un anno in cui l’Italia è ancora sotto l’effetto del covid-19, seppure con modalità differenti rispetto al 2020. Come sarà, dunque, il Natale 2021?

Tutti ormai si chiedono quali saranno le differenze con le festività natalizie dello scorso anno, cosa si potrà fare e cosa, invece, sarà proibito. Non è ancora chiara in merito la posizione del Governo, la cui decisione verrà sicuramente comunicata nei prossimi giorni, presumibilmente nella prima settimana di Dicembre.

Molto esperti si sono espressi sulla situazione attuale del tasso di positività al covid-19 in Italia che, nonostante sia leggermente aumentato rispetto agli scorsi mesi, non lascia presagire novità catastrofiche. Questo Natale ci saranno sicuramente molte meno restrizioni rispetto allo scorso anno che, ricordiamo, hanno posto quasi l’intero paese in zona rossa con altrettanti distanziamenti sociali e coprifuoco. Il 2021 invece potrebbe rivelarsi molto diverso: si pensa che l’Italia sarà prevalente zona bianca, mantenendo il distanziamento sociale e rispettando le canoniche regole anti-covid quali igienizzazione e utilizzo di mascherine nei luoghi al chiuso. Si potrà presumibilmente partire per le seconde case, andare nei negozi, ristoranti, cinema, teatri ecc.

Al momento si tratta solo di ipotesi formulate sulla base dell’andamento attuale del numero dei positivi in Italia, per cui è molto probabilmente che ci saranno delle modifiche nel decreto che emanerà il Governo. Ad esempio, è possibile che qualche regione con un numero maggiore di contagi rispetto alle altre possa essere dichiarata zona gialla, anche se non sono ancora chiare le regole per le differenti zone in base al colore.

Restano ovviamente in vigore le regole sul Green Pass la cui durata, ricordiamo, è stata abbreviata da 12 a 9 mesi. Per i viaggi sul territorio italiano ed europeo con aerei, treni e pullman, infatti, dovrà essere esibito il Green Pass, mentre per i viaggi all’estero bisognerà mostrare un tampone molecolare negativo svolto entro le 72 ore dal rientro in Italia (48 se ritorna dal Regno Unito).

Per quanto riguarda i cenoni e le feste, è quasi certo che in zona bianca locali e ristoranti saranno aperti e non vi sarà alcuna restrizione sul numero di posti per ogni tavolo; in zona gialla, invece, nei ristoranti al chiuso non potranno esserci più di quattro persone per tavolo, salvo i conviventi.