Picchiata al Casamale per rapina, fermato responsabile: è sommese. Lei si aggrava

0
2510

Entra in un appartamento, in piena notte, ma la proprietaria di casa, un’anziana di 76 anni, lo sorprende, lo affronta e riesce a metterlo in fuga. L’episodio è accaduto a Somma Vesuviana, nella zona del Casamale, verso le 4.

Tra l’anziana e l’uomo scatta una colluttazione e l’uomo, probabilmente un ladro, riesce a fuggire. La donna ha riportato alcune escoriazioni alla testa e per questo motivo è stata soccorsa dal personale del 118. Si trova nell’ospedale di Nola. Indagini in corso da parte dei carabinieri.

L’aggiornamento. Somma Vesuviana: Tenta rapina in abitazione ma trova l’anziana proprietaria che rimane ferita, ora è in pericolo di vita. Carabinieri arrestano 36enne

Questa notte verso le 4 a Somma Vesuviana, i Carabinieri della locale Stazione sono intervenuti presso l’abitazione di una 76enne del luogo che, poco prima, aveva subito una tentata rapina. Un uomo, non armato, si è introdotto nell’abitazione della donna e alla sua vista ne è nata una breve colluttazione conclusa con la fuga a piedi dell’uomo il quale non riusciva a rubare nulla.

La donna, avendo riportato alcune contusioni alla testa, veniva soccorsa da personale del 118 e trasportata presso l’ospedale di Nola per esami specifici.

Le immediate indagini dei militari hanno permesso di identificare l’autore del reato in Giovanni ALIPERTA, 36enne del posto, già noto alle forze dell’ordine per reati specifici. L’esatta identificazione del 36enne si è avuta anche grazie all’analisi dei sistemi di videosorveglianza acquisiti.

L’uomo è stato individuato in strada non lontano dal luogo del reato e veniva bloccato nonostante i tentativi di fuga. Il 36enne, infatti, feriva con morsi e pugni i Carabinieri e danneggiava l’auto di servizio. ALIPERTA è stato tratto in arresto per tentata rapina, lesioni gravissime e resistenza ed è stato trasferito nella casa circondariale di Napoli Poggioreale in attesa del giudizio di convalida. In riferimento alla vittima, le condizioni di salute si sono aggravate in quanto gli accertamenti hanno evidenziato un ematoma subdurale al cranio; la donna si trova al momento ricoverata all’ospedale del mare in pericolo di vita.