CONDIVIDI

Riceviamo e pubblichiamo dal Comune di Cercola.

 

I Consiglieri di minoranza Giovanni Rinaldi, Biagio Rossi, Esposito Pasquale, Esposito Giorgio e Romano Immacolata dichiarano che le attuali tariffe TARI sono state approvate dai Consiglieri di maggioranza nel Consiglio Comunale del 30 settembre 2020, grazie a un  Piano Economico Finanziario consegnato tardivamente unitamente ai documenti annessi senza che i consiglieri potessero prenderne visione e svolgere dovuti approfondimenti. 

Tale circostanza non ha impedito la discussione, in quella sede, sulle criticità della gestione del ciclo dei rifiuti, ma il Sindaco Fiengo e la sua maggioranza non hanno mai mostrato alcuna intenzione di affrontare seriamente l’argomento e di risolvere le inadempienze che hanno causato l’aumento della TARI negli ultimi anni di € 1.200.000,00 su un appalto di oltre € 10.000.000,00.

Abbiamo evidenziato, in un Consiglio comunale monotematico, un aumento sconsiderato della produzione dei rifiuti (+22%). In tale sede, il Sindaco ha candidamente ammesso che dal 2017, l’Amministrazione Comunale non svolge alcun tipo di controllo sul ciclo dei rifiuti “la pesa è rotta”, a danno dei cittadini Cercolesi che si vedono aumentare le tasse in modo smisurato.

Inoltre, abbiamo sottolineato che tutti i miglioramenti al servizio proposti dalla ditta in sede di gara d’appalto, non vengono svolti, nonostante siano lautamente pagati dagli ignari cittadini. 

Contro gli interessi dei cittadini, tutta la maggioranza Fiengo ha anche votato contro l’istituzione di una commissione d’inchiesta, proposta dalla minoranza, per fare chiarezza sui vari punti oscuri della gestione dei rifiuti, con l’obiettivo di portare ad una riduzione delle tariffe.  Ad oggi l’Amministrazione Comunale continua a non fornire risposte né tantomeno i documenti richiesti.

Noi non ci siamo fermati e abbiamo continuato il nostro percorso di denuncia, nonostante i tentativi ostruzionistici allo svolgimento di azioni di controllo e vigilanza a cui noi consiglieri di minoranza siamo chiamati, perché legittimati dal mandato elettorale dei cittadini.

E’ evidente che la causa dell’aumento della TARIè da attribuire esclusivamente alla inadeguatezza e incapacità politica dell’attuale Amministrazione guidata dal Sindaco Fiengo, dagli Assessori e dai Consiglieri Comunali di maggioranza, totalmente disinteressati dei problemi reali dei cittadini Cercolesi, in un così grave momento di difficoltà sanitaria ed economica.

Ci chiediamo: Come mai nessun Consigliere di maggioranza ha mosso un dito per chiarire questa vicenda? 

Certi di aver evidenziato gravissime anomalie sulla gestione dell’appalto, sulla totale assenza di un piano di recupero dell’evasione e contrasto dell’elusione, abbiamo investito gli organi competenti per chiarire i tanti aspetti oscuri, nell’esclusivo interesse di tutti i cittadini.