“Bellini”, l’ultimo singolo di Luca Notaro

0
306

È uscito “Bellini”, l’ultimo singolo di Luca Notaro che fa parte di un progetto che prevede vari brani. Realizzato in collaborazione con l’etichetta Needa di Davide Nicosia con sede a Milano, e distribuito da Altafonte Italia e prodotto da Calmo con la copertina di Mario Rainone.


Luca Notaro ci ha già abituati al racconto di Napoli, il suo centro storico, i rumori e la confusione del via vai della gente, assorta ognuna nella sua storia; ed è di una storia che il giovane cantautore ci parla.

Il brano

Un incontro, capace di sospendere quell’aria rumorosa che caratterizza le strade di Partenope e solleva il protagonista dallo spazio circostante che persiste come sfondo. Notaro restituisce all’ascoltatore uno scenario urbano. Ci immaginiamo Luca camminare per strada, tra la folla distratta e assorta nei pensieri e raccontare, in maniera spontanea, le sue sensazioni e la sua percezione emotiva. Le parole si appoggiano su un pedale ritmicocaratterizzato da un sound autentico che apre ad una musicalità nostalgica e dal gusto un po’ vintage.

C’è un “tu” a cui ci si rivolge che non appartiene a nessuno e al quale però non si rinuncia ad approcciarsi. “Senza te questa città è finita” dice il ritornello che si apre, quasi a rappresentare un abbraccio.


Nota biografica

Luca Notaro è un chitarrista e cantautore classe ’96, dalla provincia di Napoli.

Dall’ età di 17 anni si forma come chitarrista in giro per i locali di Napoli e provincia, partecipando ad eventi e Festival, accompagnando sul palco artisti come Serena Rossi e Grazia Di Michele. Comincia il suo percorso da compositore e cantautore nel 2019 con L’EP “About It”: 5 brani tra cui composizioni strumentali e canzoni in inglese.

Nel 2020 pubblica la Live Session in Studio di ”Blues #5 (Ubriaco di Autostima)”.

Nel marzo 2021 cominciano le sue pubblicazioni più vicine al cantautorato come ”Sai”; continua pubblicando collaborazioni in brani come ‘’California-Napoli’’ e ‘’sospeso, confuso, rinato’’.

Il 2022 si apre con ‘’Luci in galleria’’ una ballad dal testo ispirato e malinconico, un misto tra l’attitudine blues del cantautore e il beat lo-fi di Foolviho, produttore del brano.
Nello stesso anno diventa maestro, laureandosi al Conservatorio “Cimarosa” di Avellino.

Continuano le pubblicazioni nello stesso anno con “Kit-Kat” pubblicato per Needa e distribuito da ADA-Music e “ORA CHE” brano in collaborazione con artisti della scena campana come PeppOh, Ugo Crepa e Calmo.