Acerra, chiesta commissione d’indagine su La Sfinge dopo sequestro del canile

0
364

Acerra, l’opposizione chiede commissione speciale d’indagine su gestione contratto con “La Sfinge”.

Altre 3 proposte di deliberazioni, dopo quella che riguarda la scuola di Pezzalunga,  sono state protocollate ieri dai consiglieri di opposizione.

Un atto d’indirizzo al Sindaco per chiedere il rispetto delle norme di anticorruzione  e l’obbligo di rotazione degli incarichi dei Dirigenti e, in particolare, la anomala e datata concentrazione delle attribuzioni al Segretario Generale, su cui vi fu già una apposita decisione dell’Autorità Nazionale Anticorruzione.

La seconda fa voti all’Amministrazione comunale di impugnare la proroga concessa dalla Regione Campania ad una azienda di rifiuti in area ASI di Acerra, sul presupposto che le condizioni ambientali locali non si sono modificate rispetto al 2016, data di rilascio dell’autorizzazione originaria. Tale “valutazione” ha l’anomalia che venga rilasciata da un dirigente regionale senza che tenga conto degli impianti, dopo il 2016, autorizzati e realizzati, programmati e in via di autorizzazione.

La terza propone al Consiglio comunale di istituire una commissione speciale di indagine a tempo, dopo che diversi organi di stampa hanno riportato il sequestro per maltrattamenti di 3 canili, tra cui anche quello che ha in custodia gli animali rinvenuti sul territorio comunale. La commissione avrà il compito di verificare se i competenti uffici comunali hanno posto in essere i doverosi controlli sulle condizioni degli animali ma anche sul rispetto delle norme contrattuali per una spesa annuale liquidata di 250mila euro. I gruppi di opposizione hanno proposto quale coordinatrice, nel rispetto della previsione statutaria, l’onorevole Carmela Auriemma, consigliere comunale in carica, che fin dal 2019 si attenzionata alla gestione del servizio segnalando palesi lacune, anche nei controlli comunali.