[VIDEO] Marigliano, intervista al sindaco Jossa: il 2021 in città si apre tra scuola, vaccini e polemiche vecchie e nuove

CONDIVIDI

In compagnia del sindaco Peppe Jossa, che ci ha concesso una lunga intervista e che ringraziamo per la disponibilità, abbiamo approfondito alcuni dei temi più caldi di questi giorni: da Covid e vaccini, argomento che tocca la popolazione sia a livello locale che globale, al ritorno a scuola, fino alle recenti querelle politiche con la minoranza e al caso “cartelle pazze”, particolarmente sentito dai cittadini.

Proprio in mattinata i gruppi consiliari di minoranza, al solito compatti, hanno condiviso un manifesto con il quale esprimono perplessità riguardo all’azione amministrativa dei primi cento giorni, sottolineando che “il comune di Marigliano batte cassa facendo inviare 8000 cartelle IMU e TARI pregressi e non pagate. Per il momento i risultati evidenti sono, assembramento fuori agli uffici comunali, vigili impegnati a cercare di far rispettare le regole anti covid ai mal capitati in fila. Per mettere in piedi questa grande azione il comune ha speso 50.000,00€ di soldi pubblici, pagati a una società privata che ha provveduto ad emettere le 8000 cartelle di pagamento di cui il 70% sono già state pagate dai contribuenti”.

Esattamente la stessa cosa accadde anche un anno fa, quando all’inizio del mese di gennaio 2020 l’ente comunale mariglianese, presumibilmente cercando di stanare evasori e furbetti, fece piovere le cartelle esattoriali di IMU e TARI targate 2014. Già all’epoca il servizio era stato esternalizzato.

Anche a questo ha risposto il primo cittadino, garantendo che verrà fatta piena luce su quanto accaduto e annunciando una seria indagine interna. Ma il manifesto della minoranza puntava i riflettori anche su una recente delibera di giunta, la numero 131, con la quale il Comune di Marigliano ha inteso modificare un’altra delibera, quella di “Approvazione del piano triennale dei fabbisogni di personale 2020/2022, ricognizione annuale delle eccedenze di personale e programmazione dei fabbisogni di personale”. A tal proposito i consiglieri di opposizione fanno presente che “per lo staff del sindaco si è ben pensato di impegnare una sola persona di alto profilo, e quindi si impegnano 50.000€, pari allo stipendio di due impiegati”.

“Voci di corridoio vorrebbero che il soggetto in questione si aggiri già nelle stanze comunali, da circa due settimane, e che non sia mariglianese”, fanno sapere dalla minoranza. Il sindaco smentisce categoricamente e, trattandosi di previsioni di spesa da portare in esecuzione, ribadisce che al momento non è stato assunto nessuno, come conferma anche il Comandate Nacar della polizia locale, da poche settimane nuovo responsabile del personale.