Terzo Settore, nuove denunce in Procura tra quote fantasma e licenziamenti

0
467

Cosa succede nel Terzo Settore a Salerno e a Caserta

Volano denunce in Procura verso un’associazione. Continue dimissioni, licenziamenti e cause di lavoratori, allontanamento di associazioni di volontariato dal centro servizio assovoce, ascoltate bene: ” per ritardi di versamenti di quote sociali”. Tante domande che lasciano mille ipotesi ad interrogativi anche nel Terzo Settore.

Passiamo dal nord della Campania al pieno sud: Csv Salerno.

Associazioni Arci ragazzi e giovani, radicate anche nel Forum e che decidono da soli cosa fare, con propri autorevoli volontari storici. Complici gli stessi soci del Csv Salerno, che per pochi servizi offerti e ricevuti, con tanta attenzione tappano la loro bocca e i propri occhi. Forse perchè troppo buoni? Eh si, vivono il sociale non possono parlarne male. Forse ci saranno conflitti politici, sociali,…? E gli altri Csv quelli di Benevento, di Napoli e di Avellino, anche loro indifferenti a questi episodi? E a Roma i Csv che dicono? Leggendo su internet ci siamo imbattuti in ‘Organismi di controllo’ ONC, che dovrebbero verificare la correttezza della gestione, della base sociale e delle risorse economiche. Come mai nessun livello istituzionale sociale e nessun ente riconosciuto, a garanzia del mondo del Terzo settore, non chiarisce questi eventi? Anche lì il mondo Arci è presente? Il Ministero delle politiche Sociali? E gli altri Csv? Tranquilli, anche dopo queste dichiarazioni nessuno avrà intenzione di dimettersi e forse nessuno farà finta di nulla.

Buona lettura