Stellantis Pomigliano, ancora intoppi: domani produzione Tonale ferma

0
3738
Il Montaggio dell'Alfa Romeo Tonale a Pomigliano
Il Montaggio dell'Alfa Romeo Tonale a Pomigliano

Secondo l’azienda mancano particolari per il montaggio del suv Alfa Romeo  

 

Domani, martedì 6 febbraio, il primo e il secondo turno di produzione del suv Alfa Romeo Tonale resteranno fermi a causa della carenza di particolari meccanici da utilizzare per il montaggio della vettura, almeno stando a quanto dichiarato da Stellantis ai sindacati firmatari del contratto specifico aziendale, Fim, Uilm, Fismic e Ugl.

I lavoratori impegnati sulla catena del Tonale martedì saranno quindi dirottati sulla catena di montaggio in cui si produce la piccola utilitaria Fiat Panda. Ciò comporterà il mancato utilizzo domani degli operai trasfertisti da tempo comandati a lavorare a Pomigliano provenendo da altri impianti del gruppo, in particolare da Cassino e Melfi. Domani quindi i trasfertisti resteranno senza lavoro, non saranno impiegati. Lo stop alle produzioni Tonale si trascina dalla scorsa settimana e sempre con la motivazione della carenza di particolari meccanici. L’anno scorso e anche nel 2022 la Stellantis di Pomigliano si è fermata molte volte a causa della carenza di componenti elettronici. La situazione dunque è davvero caotica dopo che il capo dell’azienda, Carlos Tavares, ha annunciato che sarà costretto a tagliare posti di lavoro a Pomigliano e a Mirafiori se il governo non invierà sussidi per incentivare la vendita delle automobili.

La mobilitazione

Intanto la Fiom Cgil e il Partito Democratico si stanno mobilitando. Mercoledì i metalmeccanici del sindacato diretto da Michele De Palma terranno un’assemblea operaia nei locali della mensa della grande fabbrica automobilistica di Pomigliano mentre il segretario di Napoli del Partito Democratico e commissario a Pomigliano, Giuseppe Annunziata, organizzerà per sabato 10 un evento pubblico nella città delle grandi fabbriche  a cui parteciperanno i politici regionali del partito.