Somma Vesuviana. La bontà della pizza di scarole alla pizzeria “A Cantinell Ro Caricchiell”

0
10644

Somma Vesuviana. Per il pranzo della Vigilia di Capodanno la tradizionale pizza con la scarola preparata da Gaetano Boccia, proprietario della pizzeria “A Cantinell Ro Caricchiell”. Nei giorni della Vigilia di Natale e di Capodanno è tradizione per i napoletani mangiare a pranzo la pizza di scarole. Questo perché, per il popolo partenopeo, il pranzo delle vigilie è di magro, non si mangia carne. Per il cenone, dunque, un menù a base di pesce. E a pranzo? Uno spuntino “leggero” (per modo di dire) con la pizza di scarole.

“A Cantinell Ro Carricchiell” è un’eccellenza del territorio sommese. La pizzeria di Gaetano è un piccolo angolo di gusto, tradizione e un tocco di innovazione che soddisfa qualsiasi palato. Inoltre, la bontà delle sue pizze è stata più volte premiata con riconoscimenti e trofei. Non ultimo il Trofeo Pulcinella, competizione per pizzaioli in cui Gaetano e il suo staff sono saliti sul gradino più alto del podio. Nonostante abbia ricevuto tanti premi, Gaetano resta una persona umile, che ama il suo lavoro. E questa passione viene trasmessa nelle pizze da lui preparate.

La pizza di scarole è un piatto rustico, dai sapori d’altri tempi e Gaetano la prepara con ingredienti di prima scelta, provenienti dal territorio vesuviano. Il suo segreto è preparare prima la farcitura della pizza, composta da scarola, olive nere, pinoli e acciughe. Queste ultime vengono aggiunte in un secondo momento, per far in modo che non si sciolgano nel momento della cottura della scarola. Dopo aver steso l’impasto e averlo messo nel ruoto si riempie il tutto con la farcia e poi si chiude con un altro strato di impasto. La cottura avviene nel forno a legna e poi è pronta per essere degustata.