Somma Vesuviana istituisce la Giornata della Libertà per la Legalità: sarà il 27 Aprile

0
558

Riceviamo e pubblichiamo dall’ufficio stampa del Comune di Somma Vesuviana

Salvatore Di Sarno (sindaco di Somma Vesuviana nel napoletano): “Inaugureremo la prima Giornata della Libertà per la Legalità. Giovedì 27 Marcia per la Legalità, con la partecipazione delle scuole, delle Forze dell’Ordine, invitato il Prefetto!”.

Marcia per la Legalità – Giovedì 27 Aprile – ore 9 e 30 – partenza da Via San Sossio – Somma Vesuviana con la presenza delle scuole, della città, delle istituzioni. Poi conferenza al Teatro Summarte.

“Con delibera approvata dalla Giunta Comunale abbiamo istituito, a Somma Vesuviana, la Giornata per la Libertà della Legalità che sarà il 27 aprile. Giovedì 27 Aprile, Somma Vesuviana vedrà sul proprio territorio una grande Marcia per la Legalità con il coinvolgimento di tutti, in modo particolare di tutte le scuole del paese. Il corteo partirà alle ore 9 e 30 da via San Sossio, percorrerà via Don Minzoni, poi via XX Settembre, Via Aldo Moro, via Roma e terminerà al teatro Summarte. Parte attiva saranno le scuole, le nuove generazioni. Abbiamo invitato Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia, Prefetto di Napoli. Al Teatro ascolteremo i ragazzi che incontreranno il magistrato Catello Maresca autore del libro “La banalità della Mafia”. Annuncio anche che istituiremo l’Osservatorio Comunale della Legalità, per il quale è già possibile presentare le candidature. Ringrazio il consigliere Gaetano Ciro Coppola, in quanto sono convinto che l’istituzione, a Somma Vesuviana, della Giornata della Libertà per la Legalità, contribuirà a rendere le nuove generazioni sempre più sensibili a questi temi”. Lo ha annunciato Salvatore Di Sarno sindaco di Somma Vesuviana, nel napoletano.

Giovedì 27 Aprile, con partenza alle ore 9 e 30, tutta la città parteciperà alla Marcia per la Legalità, sarà presente anche il magistrato antimafia Catello Maresca.

All’iniziativa sta lavorando fortemente il consigliere comunale Gaetano Ciro Coppola, in collaborazione con l’Assessore alla Cultura Rosalinda Perna.