Somma Vesuviana, In coma da oltre 50 giorni. La Famiglia denuncia la Casa di Cura Meluccio di Pomigliano D’Arco

0
3017

Dal 20 novembre scorso Gennaro Raia è attaccato ad un respiratore. Secondo al famiglia, la morte celebrale è stata causata dalla negligenza dei medici. La procura apre un’inchiesta.

 

mfront_affissioni_abusive
retrerger

 

Voleva vivere il resto dei suoi anni  godendosi i nipoti, leggendo il giornale o  chiacchierando  di calcio, sua grande passione,  insieme ai suoi amici di sempre su una panchina riscaldata dal sole, rievocando i ricordi belli della giovinezza e condividendo  con loro piccoli e grandi problemi  quotidiani. Come l’ansia per qualche accertamento clinico che il suo medico di fiducia gli aveva prescritto e che lo aveva portato nella clinica Meluccio di Pomigliano D’Arco per un piccolo intervento all’intestino

Cosa del tutto risolvibile- aveva rassicurato il medico- considerato  anche il fatto che, nonostante avesse ottant’ anni,   Gennaro non era affetto da nessuna patologia. Un corpo  di un ottantenne sano e con una gran voglia di vivere, Gannaro Raia, residente a Somma Vesuviana, persona nota e stimata da tanti, non avrebbe mai immaginato che  avrebbe trascorso gli ultimi giorni della sua vita attaccato ad un respiratore e, forse,  mai avrebbe mai immaginato che un uno come lui, sempre informato e attento,  scrupoloso e  preciso, sarebbe diventato  un  “caso “di malasanità.  O perlomeno ne sono certi i suoi tre figli, che hanno sporto denuncia contro la Clinica Meluccio   alla Procura della Repubblica. Ma andiamo con ordine.  Gennaro Raia è sceso con i propri piedi nella sala operatoria della casa di Cura Meluccio il giorno 20 novembre 2012 per essere sottoposto ad un intervento al tratto intestinale. “Nostro padre- raccontano i figli – stava benissimo, tant’è che è voluto scendere con i suoi piedi in sala operatoria,. E’ sceso alle ore 8,30 e, dopo ben quattro ore,  alle 12,30, un infermiere è venuto a chiamarci. Siamo scesi giù e l’anestesista ci ha spiegato che  nostro padre era andato in arresto cardiaco, che  però era stato subito ripreso e che dovevamo attendere solo che si svegliasse, da lì  a poco. Abbiamo atteso per ore  che si risvegliasse e intanto continuavamo a chiedere come mai nostro padre  saltare come se fosse stato attraversato da scariche elettriche.  Per tutto il tempo i  medici e l’anestesista  ci hanno detto che dovevamo stare tranquilli , che si trattava solo di una situazione temporanea e che dovevamo attendere che si svegliasse. In nottata, ci hanno detto che potevamo andare e che ci avrebbero chiamati appena si fosse svegliato e, nel  frattempo, se   fosse stato necessario lo avrebbero trasferito nella sala di rianimazione dell’ospedale di Nola.  E così è stato  e solo lì, a Nola, ci hanno detto che nostro  padre era in anossia celebrale. Praticamente  la morte celebrale era avvenuta  nell’istante in cui gli era stato iniettato l’anestetico , ma  alla Meluccio hanno solo cercato di prendere tempo, nascondendoci la verità”.  La famiglia Raia, pur nella  consapevolezza dell’età  avanzata del loro caro e delle complicanze che ogni intervento chirurgico  può portare, si sono sentiti dunque lesi nel diritto alla corretta informazione medica e sono convinti, visto che il loro padre ad oggi non presenta patologie cardiache, che da parte dei medici ci sia stata una grossa negligenza  e che l’anossia celebrale sia stata provocata da un errore di dosaggio.  Di fronte a quel  corpo attaccato ad un respiratore  che da oltre cinquanta giorni giace nell’ospedale di Nola, la famiglia Raia ha voluto vederci chiaro e ha sporto denuncia  presso il comando della compagnia di Castello di Cisterna;  L’inchiesta è stata aperta e , pochi gironi fa, la Procura ha disposto il sequestro della cartella clinica. “Siamo fiduciosi nella giustizia ed  andremo fino in fondo, se nostro padre è stato ridotto così per un errore umano, chi ha sbagliato deve pagare”.  “Abbiamo agito in piena scienza  e coscienza- spiega il Direttore Sanitario della Clinica Meluccio- Vincenzo Barretta- non c’è  e non c’è stato  nessun caso di malasanità.  Non c’è stata  né negligenza e  né superficialità da parte di nessuno dei nostri medici: Il signor Raia è stato assistito come si doveva fino alla fine: non abbiamo nulla da rimproverarci. Anche noi siamo fiduciosi nella giustizia, siamo parte offesa e saranno i nostri legali a far cadere tutte le accuse”.