Somma Vesuviana, al Castello D’Alagno l’evento “Totò: Misteri e Nobiltà”

0
657
Somma Vesuviana, al Castello D'Alagno l'evento

Somma Vesuviana. Riceviamo e pubblichiamo:

Dopo 70 anni  – Totò  – ritorna nel Castello che tanto avrebbe voluto acquistare.

Sabato 13 Aprile attori, musicisti e storici, faranno rivivere il grande Totò ma anche Antonio De Curtis nelle sale che videro la sua presenza ben 70 anni fa.

Salvatore Di Sarno  – sindaco di Somma Vesuviana, nel napoletano : “Totò ritornerà in quel maniero che a metà degli anni ‘30 vide la sua presenza con la figlia Liliana, all’epoca bambina e la moglie Diana Bandini Lucchesini Rogliani”.

Nell’immaginario Totò sarà sui torrioni alti e panoramici ma anche nelle sale di quel Castello costruito nel 1458 per Lucrezia D’Alagno ma che il popolo ha “assegnato” all’amato artista.

Gianni Ferrara  – Presidente dell’Accademia “Emmanuele De Deo” : “Mostreremo l’inedito carteggio di lettere tra Eduardo De Filippo e Totò. Conosceremo l’uomo. Sarà un’atmosfera suggestiva, coinvolgente. Quasi sentiremo i passi di Totò in quelle sale, avvertiremo la sua presenza e potremmo immaginarlo presente. Avremo tante opere inedite e tanti documenti inediti. Totò soggiorno con la figlia Liliana, ben 70 anni fa!”.

Sabato 13 Aprile – ore 10 e 30 – Totò: Misteri e Nobiltà” che verte sulla vita e sulle opere del “Principe della Risata” a cura dell’Associazione Culturale “Emmanuele De Deo” – al Castello di Lucrezia D’Alagno – Ingresso libero.

“Sabato 13 Aprile, dopo 70 anni Totò ritorna in quel Castello che tanto avrebbe voluto acquistare a Somma Vesuviana. Con esperti, con storici e anche con attori e musicisti Totò ritornerà in quel maniero che a metà degli anni ‘30 vide la sua presenza con la figlia Liliana,all’epoca bambina e la moglie Diana Bandini Lucchesini Rogliani”. Lo ha annunciato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana, nel napoletano.

Attori, musicisti ricreeranno un’atmosfera coinvolgente facendo ritornare “Totò”, in quelle sale che lo videro realmente a metà degli anni ‘30. E proprio nel Castello di Lucrezia D’Alagno, del 1458, ma noto all’opinione pubblica come il Castello di Totò, in quanto appartenuto alla famiglia di Gaspare De Curtis e che comunque lo stesso Totò avrebbe voluto acquistare e frequentò, Sabato 13 aprile 2024, alle ore 10,30, il Principe della Risata rivivrà in  “Totò: Misteri e Nobiltà”. Attori e musicisti narreranno e coinvolgeranno con opere anche inedite. La vita, le canzoni, le poesie del grande artista saranno raccontate e interpretate da Gianni Ferrara, voce narrante, Decio Delle Chiaie con canto e chitarra, Stefano Delle Chiaie al flauto,

Ad esempio verranno letti e svelati i carteggi tra Eduardo De Filippo e Totò. Un grande evento a cura dell’Accademia “Emmanuele De Deo”.

“ Sarà un’atmosfera suggestiva, coinvolgente. Quasi sentiremo i passi di Totò in quelle sale, avvertiremo la sua presenza  – ha affermato Gianni Ferrara, Presidente dell’Accademia “Emmanuele De Deo” – e potremmo innaginarlo presente. Avremo tante opere inedite e tanti documenti inediti come ad esempio le lettere di Eduardo a Totò e viceversa. Questo incontro artistico – culturale ricorderà la venuta di Totò al Castello che il popolo conosce come il Castello di Totò ma che in realtà è di Lucrezia D’Alagno. Ed è qui che il Principe della Risata, del sorriso, cercava di ritrovare per le sue ascendenze nobiliari,  alle quali cercava sempre di tendere e che in qualche modo ritrovò. Qui, Sabato 13 Aprilem opereremo un in contro che svelerà alcuni segreti della vita di Totò che sono inediti e dunque non conosciuti ai molti. Tantissimi conoscono il Totò autore, il Totò attore ma non conoscono la vita vera di Totò, non conoscono la persona, non conoscono Antonio De Curtis. Noi, Sabato 13 Aprile, racconteremo aneddoti inediti, episodi inediti e riusciremo a coinvolgere il pubblico con le sue canzoni, le sue poesie, con la sua vita in un’atmosfera mai sentita. Ed è giusto che questo avvenga nel Castello di Lucrezia D’Alagno ma noto all’opinione pubblica come il Castello di Totò, a Somma Vesuviana”.

Ed ecco che Totò, nell’immaginario, sarà sui panoramici torrioni del castello quattrocentesco mentre guarda la Montagna di Somma Vesuviana, a 18 Km dalla sua Napoli, l’altra faccia del Vesuvio, terra fertile dalla quale partono per il Mondo, gustosi prodotti e splendide tradizioni popolari.

Sabato 13 Aprile verrà svelato, recitato, letto, il carteggio intercorso tra Eduardo De Filippo e Totò! E avverrà nelle sale quattrocentesche che 70 anni fa videro la presenza del grande artista.

“Abbiamo diverse lettere che mostreremo. Ad esempio lettere intercorse tra Eduardo De Filippo e Totò che erano amici intimi. Tanti sanno che Eduardo e Totò lavorarono insieme, ma non sanno dell’amicizia che legava questi due grandi artisti. Abbiamo tanti carteggi che dimostrano il suicidio di una sciantosa che per Totò si suicidò e Totò ne soffrì. Abbiamo addirittura dei carteggi che dimostrano la vita misteriosa di Totò appartenuta ad associazioni benefiche. Totò era molto generoso ed è vero che Totò desse tanto agli altri. E’ vero che Totò infilava, sotto le porte dei bassi napoletani, le grandi 10.000 lire dell’epoca perchè era ricchissimo. Totò condivideva la sua ricchezza con la gente povera. Noi mostreremo tutti questi carteggi – ha continuato Gianni Ferrara, Presidente dell’Accademia “Emmanuele De Deo” –  e allo stesso tempo faremo sentire la presenza del grande Totò e anche del grande Antonio De Curtis con le sue opere, canzoni e poesie. Un evento unico e irripetibile che sarà in uno scenario ugualmente unico. L’incontro artistico/culturale si propone di rendere partecipe la platea degli aspetti poco noti della vita e della personalità di Antonio de Curtis. Perché a Somma Vesuviana? Perché nel Castello “Lucrezia D’Alagno” (o, se si vuole, “il Castello di Totò” come affettuosamente lo chiamano i cittadini sommesi)? Perché in quel Castello, durante la sua breve permanenza tra quelle mura, Totò riuscì a ritrovare carteggi che avrebbero provato la sua ascendenza nobiliare! Lo spettacolo  prevede le proiezioni di fotografie, anche molto rare, afferenti il grande artista napoletano e sveleremo aneddoti inediti ed esilaranti riguardanti Totò spesso sconosciuti al grande pubblico. L’incontro sarà intervallato dalle poesie (declamate da vari attori dell’Accademia De Deo) e dalle canzoni (cantate e suonate da cultori della canzone napoletana) scritte dal Principe”.

Tanti gli attori e gli artisti come ad esempio : Milly Bianco, Aldolfo Bottazzo, Michele Di Lorenzo, Marco Evangelista, Gennaro Falanga, Mariarosaria Izzo, Mike Lubrano, Paolo Marino, Natale Marzullo, Ivan Matrone, Tiziana Menna, Vincenzo Perfetto, Raffaele Scognamiglio, Santolo Sorrentino, Guido Varcaccio, Nicola Violante.

Prevista la grande affluenza. L’ingresso sarà libero per tutti!

“Ringraziamo l’Accademia “Emmanuele De Deo”,  dal nome del primo martire della libertà. Dopo 70 anni avremo il ritorno di Totò, in quel Castello che tanto avrebbe voluto acquistare e non fu possibile – ha concluso Rosalinda Perna, Assessore agli Eventi del Comune di Somma Vesuviana, nel napoletano –  in quanto all’epoca non era forse nelle sue possibilità economiche non essendo ancora conosciuto come lo fu subito dopo. La De Deo è un’Accademia prestigiosa, formata da intellettuali napoletani, attiva da tempo nella promozione anche internazionale del patrimonio culturale di Napoli, anche tramite la collaborazione con Enti pubblici e privati. Siamo felici che questa Accademia presente con studi e ricerche, abbia scelto Somma Vesuviana a 57 anni dalla morte del grande Totò. E’ un evento  di grande attesa”.