Somma, Federica e Carmine Allocca vincono l’oro al Campionato del Mondo di Latino in Spagna

0
3385
Somma Vesuviana, Federica e Carmine Allocca vincono l'oro al Campionato del Mondo di Latino in Spagna

Somma Vesuviana. Federica e Carmine Allocca, giovanissimi atleti sommesi, vincono insieme alla loro squadra il Campionato del Mondo WDSF Choreographic Latin Adulti che si è tenuto ieri a Cambrils, in Spagna.

Federica e Carmine Allocca, fratelli e partner sulla pista da ballo, hanno conquistato la medaglia d’oro ai Mondiali di Cambrils, in Spagna che si sono disputati ieri. I due ballerini di 20 e 23 anni hanno ottenuto il titolo di Campioni del Mondo, portando in alto il nome della città di Somma Vesuviana. La vittoria è arrivata nella categoria Gruppo Danza over 17 classe U, a cui i due giovanissimi atleti sommesi hanno partecipato insieme al Team del Centro Studi Danza Azzurro di Marigliano, guidati dai loro maestri Antonio Azzurro e Angelica De Rosa. Alla competizione, Federica ha partecipato anche per il solo, classificandosi al quinto posto. Dopo essere saliti sul gradino più alto del podio, il gruppo del Centro Studi Danza Azzurro ha ricevuto i complimenti della Federazione Italiana Danza Sportiva.

Una vita per la danza

Federica e Carmine hanno cominciato a danzare da piccolissimi, all’età di appena 6 e 9 anni. Solo negli ultimi cinque anni hanno iniziato a gareggiare a livello agonistico, portando il loro talento in giro per l’Italia e l’Europa e ottenendo numerosi premi e medaglie. In particolare, a Malta Carmine è riuscito a vincere ben tre trofei. Inoltre, i due fratelli sono da ben tre anni Campioni italiani della loro disciplina sportiva. Grande emozione per Franco e Maria Pia, i genitori dei due dei due ragazzi, i quali ai nostri microfoni hanno dichiarato: “Questa vittoria rappresenta una grande soddisfazione per noi. I nostri figli si allenano cinque volte a settimana per diverse ore al fine di prepararsi alle competizioni. Siamo felici anche perché, oltre ad aver rappresentato l’Italia ai Mondiali, con questa medaglia sono diventati motivo d’orgoglio per la città di Somma”.