CONDIVIDI

Il Sindaco di San Giuseppe, Vincenzo Catapano, insieme all’Assessore alla Pubblica Istruzione Silvia Annunziata ed al dott. Tommaso Andreoli, vicesindaco con delega alla prevenzione ed alla tutela della salute, si sono riuniti per discutere dell’attuale situazione in cui il paese si trova riguardo la pandemia.

 

I dati purtroppo non sono incoraggianti: negli ultimi giorni sono stati confermati due nuovi decessi da covid-19 di due uomini, rispettivamente di 55 e 72 anni, 7 morti nelle ultime due settimane. I contagi, invece, sembrano non diminuire drasticamente come ci aspettava, al contrario sembrano aumentare: gli attuali positivi infatti sono 296. Dunque, la decisione presa dall’amministrazione è ufficiale: domani non si ripartirà con la didattica in presenza. Fino al 18 aprile si continuerà con la DAD; dal 19 aprile riapriranno le scuole dell’infanzia e le classi prime e seconde della scuola primaria; dal 26 aprile invece potranno rientrare in presenza anche le classi terze, quarte e quinte della scuola primaria, nonché le classi prime della scuola secondaria di primo grado.

Il Sindaco Catapano ha espresso estremo rammarico a causa della decisione presa, drastica ma assolutamente necessaria: “Non consentire la didattica in presenza è una decisione sempre dolorosa ma noi, con responsabilità, continueremo a non sottrarci alle decisioni, pur sofferte e dolorose, necessarie a tutelare la vita degli abitanti di San Giuseppe Vesuviano.

(fonte foto: rete internet)