Rubano al Decò di Brusciano poi vengono pedinati: 6 fermati nel covo dopo fuga incredibile

0
1708

BRUSCIANO – Problema furti. Carabinieri arrestano 5 persone e denunciano un minorenne

E’ da tempo che i carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania stanno effettuando servizi a largo raggio volti a contrastare furti e rapine e questa notte a finire in manette sono state 5 uomini, denunciato anche un 17enne.
Si tratta di 6 persone di etnia rom tutte residenti nel campo di via Carrafiello a Giugliano.

I carabinieri della sezione operativa e radiomobile di Giugliano erano sulle tracce di un Fiat Doblò di colore scuro e verso le 23.30 avviene l’avvistamento.

Ci troviamo al supermercato Decò di via Buonarroti a Brusciano. Sono in 6 e hanno appena rubato le cassette di sicurezza dei registratori di cassa non prima di aver forzato cancello di ingresso e saracinesca dello store per poi allontanarsi. I militari li osservano e li seguono discretamente: è importante conoscere l’eventuale covo e valutare il rischio che siano armati dato che si sta percorrendo un centro abitato.

Il pedinamento continua fino alla zona industriale di Orta di Atella. Ci troviamo in una strada di campagna e i fari, sotto la pioggia, sono spenti. Gli occupanti del mezzo scendono dal furgone e gettano le cassette appena trafugate. Il momento è propizio e il “dispositivo” dei carabinieri – l’unica via di accesso è stata opportunamente chiusa – parte. Le gazzelle circondano i malviventi che non si arrendono e la tensione sale. Il doblò tenta invano lo sfondamento della gazzella messa a chiusura della strada e allora i 6 abbandonano il mezzo e provano a fuggire arrampicandosi sulla rete di recinzione posta al lato della strada. La colluttazione è lunga e difficile con uno dei Carabinieri che si fa anche male ma alla fine vengono tutti bloccati.
Il furgone, risultato rubato ma con targa di un altro veicolo non da ricercare, è stato sequestrato. Stessa sorte per i diversi arnesi atti allo scasso rinvenuti al suo interno. Cassette di sicurezza e denaro sono stati restituiti al legittimo proprietario.
Sono in corso indagini da parte dei Carabinieri volti a verificare l’eventuale responsabilità degli arrestati in ulteriori fatti simili avvenuti di recente.
Il Carabiniere ferito fortunatamente sta bene, per lui una diagnosi di 25 giorni a causa della lesione di un dito.

Gli arrestati:

– OSMANOVIC ADELKO, NATO IN BOSNIA IL 09.07 1989;
– OSMANOVIC LUIGI, NATO MUGNANO DI NAPOLI (NA) IL 19.06.2004;
– HADZOVIC DAVID, NATO IN BOSNIA IL 03.06.1998;
– SEFEROVIC SMOKI, NATO IN BOSNIA IL 01.01.1998;
– SEFEROVIC TONI, NATO IN BOSNIA IL 03.02.1999.