Rapina finita nel sangue, arrestato il killer del pescivendolo Antonio

0
574

BOSCOTRECASE – Sarebbe stato lui, secondo gli investigatori, la sera del 23 dicembre di due anni fa, a uccidere Antonio Morione, il pescivendolo che a Boscoreale fu ammazzato con colpi di arma da fuoco per avere reagito ad un tentativo di rapina. Per questo motivo a Boscotrecase i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata, in esecuzione di un decreto della Procura, hanno proceduto al fermo di confronti Giuseppe Vangone.

Secondo l’accusa sarebbe stato lui a premere il grilletto della pistola dalla quale sarebbe partito il colpo risultato fatale per Morione, titolare della pescheria “Il delfino”. Vangone avrebbe anche fatto parte della banda che, sempre il 23 dicembre 2021, rapinò un’altra pescheria, gestita dal fratello della vittima. Stando alle risultanze investigative, l’uomo – insieme a tre complici – avrebbe partecipato prima alla rapina alla pescheria “La rosa dei venti” e poi alla tentata rapina a “Il delfino” dove, a seguito della reazione di Antonio Morione, avrebbe esploso almeno quattro colpi d’arma da fuoco, uno dei quali aveva raggiunto la vittima alla nuca, senza lasciargli scampo.

“Il fermo di indiziato di delitto – spiega il procuratore capo della Repubblica di Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso – costituisce un importante risultato, frutto di incessanti attività di indagine condotte dai carabinieri e coordinate dalla Procura che, il 6 luglio scorso, avevano consentito di ottenere e successivamente eseguire un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due soggetti (tuttora ristretti presso le case circondariali di Napoli Secondigliano e Lecce) ritenuti responsabili, in concorso tra loro, con Vangone e con una quarta persona, dell’omicidio di Antonio Morione e delle rapine alla pescheria di quest’ultimo e del fratello”.

Nella foto la vittima