CONDIVIDI

Don Peppino Gambardella ha vinto la battaglia ingaggiata al Tar contro la realizzazione di un moderno condominio nei vicoli della città. Ora l’edificio è da abbattere

 

Ha sortito un esito deflagrante l’azione giudiziaria avanzata da don Peppino Gambardella contro la costruzione di un nuovo condominio al posto di un vecchio edificio del centro storico. Il Tar ha infatti appena stabilito che il palazzo moderno di quattro piani in fase di realizzazione a via Firenze non potrà più essere costruito. Il tribunale amministrativo regionale ha accolto il ricorso del parroco della chiesa madre di San Felice in Pincis, l’antico luogo di culto che si trova proprio a quattro passi dal cantiere della nuova struttura residenziale. I giudici hanno stabilito che i lavori per il nuovo edificio, iniziati più di un anno fa, sono i frutto di una licenza edilizia illegittima rilasciata dal Comune di Pomigliano. Secondo la magistratura amministrativa l’ufficio tecnico della municipalità non doveva consentire l’abbattimento del vecchio caseggiato per fare posto, ai sensi del piano casa regionale, al palazzo moderno progettato per essere composto da una serie di appartamenti. Mancava infatti un requisito fondamentale all’operazione: il vecchio edificio doveva aver subito negli ultimi 50 anni una ristrutturazione tale da stravolgerne completamente l’aspetto originario. E invece ciò non è mai accaduto. Alla municipalità è bastata una semplice messa in sicurezza della struttura per dare il via all’operazione edilizia, che nel frattempo ha già comportato uno stravolgimento urbanistico con il conseguente restringimento della strada in cui si sta consumando. Stesso procedimento, quello della messa in sicurezza, è stato adottato per altre azioni di abbattimento e ricostruzione già avviate in diverse zone del centro storico. Intanto la sentenza relativa a via Firenze potrebbe costituire un precedente in grado di mettere in discussione un business milionario nell’intera città. E secondo la sentenza del Tar l’edificio rimasto bloccato al secondo piano in via Firenze, ormai considerato abusivo a causa dell’illegittimità della licenza, può essere immediatamente abbattuto.

a dx il vecchio edificio abbattuto nel centro storico di Pomigliano