Pomigliano, don Peppino tiene messa in memoria di Adil insieme agli operai Whirlpool

0
13
don Peppino ieri con gli operai della Whirlpool
don Peppino ieri con gli operai della Whirlpool

Ieri sera in preghiera nella chiesa di San Felice per ricordare il sindacalista morto in Piemonte

 

 

C’erano gli operai della Whirpool e un operaio iscritto alla Fim-Cisl, c’era la lavoratrice della Cgil in lotta all’Armena servizi, Maria Luongo, c’era Antonio Avilio, consigliere comunale di Rinascita, la sinistra di Pomigliano. Prima dell’omelia ha preso la parola dal pulpito della chiesa di San Felice in Pincis Francesco Aliperti Bigliardo, lavoratore dell’Avio Aero di Pomigliano, iscritto Fiom ed ambientalista della Terra dei Fuochi. “Dobbiamo sconfiggere l’indifferenza di cui parlava già Gramsci – l’intervento di Aliperti – solo in questo modo avremo speranza di riscatto ed emancipazione”. Subito dopo ha preso la parola il parroco, don Peppino Gambardella. “Ho voluto fortemente questa celebrazione per Adil, il sindacalista morto per difendere i diritti dei lavoratori – l’omelia del “prete operaio” – perché stanno giungendo troppi segnali che ci dicono che la dignità viene sistematicamente calpestata. Penso ai salari da fame, allo sfruttamento nei luoghi di lavoro, ai ricatti, alle violenze che si subiscono quotidianamente solo perché si vuole difendere i propri diritti umani dalla logica prevalente del profitto”. Tra “addetti ai lavori” e fedeli sopraggiunti per ascoltare, ieri sera in chiesa c’erano non più di una cinquantina di persone alla messa. Il parroco di San Felice nei giorni precedenti aveva puntato l’indice contro il mancato sostegno all’iniziativa proprio da parte dei sindacati.