CONDIVIDI
I premiati della prima edizione del premio “La Voce del Fiume”
“La Voce del fiume” di Brienza in provincia di Potenza, in Basilicata, comune di appena
quattromila abitanti in una zona incontaminata ai confini del salernitano in posizione strategica equidistante dai grandi attrattori monumentali

Il B&B è situato in una dimora di charme, in una location di altri tempi dove si può assaporare una gustosa colazione a base di prodotti tipici su una splendida terrazza panoramica con affaccio sul fiume.

L’avvocato Rocchina Adobbato è la proprietaria che gestisce con passione questa affascinante struttura.
Booking.com per l’anno in corso ha assegnato il Traveller Review Awards 2020 con
un’attribuzione di 9,70 punti su 10.

La “La Voce del fiume” da sempre attenta alle eccellenze del territorio, apre le sue porte alla cultura, all’informazione, alla musica e alle amministrazioni “illuminate”, organizzando la prima edizione del Premio “La Voce del fiume”.

Nella splendida cornice storica del palazzo ottocentesco che ospita il B&B, uno dei più particolari della Basilicata, incastonato nel cuore del borgo

medievale di Brienza, all’ombra del Castello Caracciolo, si è tenuta la cerimonia di consegna dei premi consegnati dalla giornalista Annamaria Sodano, questi i premiati:
Domenico Tripaldi, Direttore Generale del Dipartimento Programmazione e Finanze della
Regione Basilicata;
Patrizia Minardi, Dirigente dell’Ufficio Sistemi Culturali e Turistici Cooperazione Internazionale della Regione Basilicata;
Lisa Bernardini, Giornalista “GP Magazine”;
Umberto Garibaldi, Direttore “Red Carpet”;
Mariella Anziano, Capo Servizio Tgr Lazio;
Anthony Peth, Conduttore radio televisivo Mediaset;
Imma Battista, Direttore Conservatorio di Musica “Giuseppe Martucci” di Salerno;

Franco Rina, Direttore e Fondatore del Festival Cinematografico Internazionale “CinemadaMare”.

L’evento ha contribuito alla promozione del territorio e a far conoscere le sue peculiarità.
Per trascorrere nel B&B un week end di emozioni, sarà possibile vivere l’esperienza
dell’attraversamento del ponte tibetano alla Luna , sospesi in aria. Al calar della luce si potrà raggiungere il paese Sasso di Castalda dove sorge il ponte, a solo cinque minuti di macchina dalla Dimora di charme e vivere un’ esperienza davvero indimenticabile!
Il percorso dei ponti tibetani di Sasso di Castalda si sviluppa sulle sponde del “Fosso Arenazzo” che si apre proprio ai piedi del suggestivo centro storico.
Attraverso le stradine che si diramano tra le caratteristiche abitazioni in pietra del centro storico, si raggiunge la partenza del primo ponte, “

Ponte Petracca ” lungo 95 metri e sospeso a circa 30 metri di altezza, attraverso il quale si giunge sul versante caratterizzato da formazioni geologiche.

Percorrendo il sentiero lungo la sponda del Fosso si supera la cappella votiva “Madonna delle Grazie” per giungere in 10 minuti alla partenza dell’impressionante “
Ponte alla Luna”.
Attraverso una campata unica di ben 300 metri e sospesi nel vuoto a 102 metri di altezza dal torrente sottostante, letteralmente si arriva al rudere del castello che domina il villaggio da un
suggestivo punto panoramico.
Per chi ama i sapori autentici e la vera cucina lucana, il ristorante tipico e nello stesso tempo raffinato “Conte d’Aragona” a Sasso di Castalda rappresenta un angolo di storia e immutata tradizione.