Paesi Vesuviani, la vaccinazione frena i contagi: pandemia sotto controllo

0
173

 

Con l’inizio dell’anno scolastico ci si aspettava un netto aumento dei contagi da Covid-19 ma, fortunatamente, così non è stato.

Al momento l’indice di positività nei Paesi Vesuviani sembra essere sotto controllo: i numeri sono incoraggianti e per nulla preoccupanti ma, come continuano a specificare molti sindaci, non bisogna abbassare la guardia e credere di aver sconfitto il virus definitivamente.

Il comune di Terzigno, ad esempio, secondo il bollettino comunale, ha attualmente 14 persone positive, ad Ottaviano secondo l’ultimo report i contagi sarebbero 16, mentre a Sant’Anastasia sono 25 i soggetti attualmente positivi. A Somma Vesuviana le persone attualmente positive sono 21, come sostenuto dal sindaco Di Sarno, il quale ha poi annunciato la positività di due alunni della platea scolastica Giovanni Bosco – Summa Villa le cui classi sono rispettivamente finite in quarantena preventiva. Situazione diversa invece per San Giuseppe Vesuviano che, secondo l’ultimo bollettino rilasciato ormai da qualche settimana, subito dopo le vacanze estive ha registrato 42 cittadini positivi al Covid-19. A Pomigliano D’arco, invece, a fine agosto erano 92 i positivi totali, numero che dopo qualche giorno ha subito un calo fino ad arrivate a 66 positivi registrati. Ad oggi gli attualmente positivi sono 31 secondo il bollettino aggiornato qualche giorno fa. Ricordiamo che a Pomigliano il 2 ottobre si terrà l’open day vaccinale presso il centro situato in via Trieste, dalle ore 17 alle ore 22.

Numeri quelli del Vesuviano che sembrano realmente sotto controllo, nonostante le vacanze estive da poco terminate e l’inizio dell’anno scolastico con la conseguente ripartenza di tutte le attività commerciali.

Il merito, come sostenuto dal Governatore De Luca, è sicuramente del vaccino (ricordiamo che nel Vesuviano ci sono diversi centri vaccinali come quelli di Ottaviano, Terzigno, San Giuseppe, solo per citarne alcuni) che è in grado di contrastare il virus e che ad oggi risulta l’unico metodo efficace per tenere a bada la situazione in modo concreto.