CONDIVIDI

Napoli – Atalanta mi sorprende. Mi sorprende non perché non creda in questo Napoli recente. Mi sorprende per l’eccezionale prova degli azzurri, accompagnata e coadiuvata, però, da una partita estremamente sottotono degli avversari. Per questo il mio sarà un giudizio salomonico: una buona parte del merito va chiaramente al Napoli, ma c’è una certa parte di demerito da assegnare alla squadra di Gasperini.

La partita si gioca sostanzialmente nella prima frazione. Il Napoli parte benissimo, è fluido, pressa, trova spazi sulle fasce e tra le maglie avversarie. Di contro, l’Atalanta presenta la sua versione peggiore. Troppi gli errori dei nerazzurri, errori grossolani sia in fase propositiva, sia nel recupero palla, se ne vedono delle belle. Gli errori atalantini sono stati così ridicoli dal portarmi a pensare che avessero qualche problema di natura fisica. Il Napoli ha anche il merito di riuscire a fare tutto bene e di non sbagliare quasi nulla, va in gol 4 volte. Lozano fa una doppietta (calcia una bella palla a giro nel secondo), poi completano il quadro un altro bel fendente di Politano e finalmente la prima rete di Osimhen. Sportiello, pur con qualche colpa sull’ultimo gol di Osimhen, è il migliore dei suoi. Gli azzurri gestiscono il secondo tempo, concedendo solo il gol della bandiera agli avversari.

Il Napoli è in forma. Il Napoli è squadra. Vede germogliare dei fiori colorati tra le sue fila: Lozano, Osimhen, Politano, Mertens dicono la loro, e il resto della squadra li segue. Non ancora sorpreso da Bakayoko, mi aspetto di più da lui.

Il Napoli è a punteggio pieno: 3 partite giocate, 3 vittorie e un gol subito. Sono 3 partite perché è difficile accettare l’inspiegabile sconfitta a tavolino. Questo stralcio di campionato, il percorso vincente del Napoli e quello altalenante della Juve (confermato dal pareggio bianconero in casa del Crotone) dimostrano che il Napoli aveva tutto l’interesse di volare verso Torino, dove avrebbe incontrato una squadra non nelle migliori condizioni. Ma questa presa di coscienza era ovvia già prima della mancata Juve – Napoli, mancata soltanto a causa di decisioni superiori, delle quali la Lega dovrà prendere atto. Dal canto suo, sul campo, il Napoli dovrà continuare con questa striscia positiva.